Il rimpianto di Alfonso Signorini di non avere risposto alle telefonate della madre

Alfonso Signorini madre

C’è tanto dolore nei racconti di Alfonso Signorini, da nove anni sua madre non c’è più e a Verissimo ricorda tutte le volte che il telefono squillava e lui non le ha risposto. Adesso farebbe qualunque cosa per sentirla almeno una volta. E’ per questo suo rimpianto che dice sempre a tutti di abbracciare i genitori, di non permettere un distacco perché un giorno la mancanza sarà fortissima. “Per me non sono niente nove anni, forse sono tanti ma per me non sono niente. C’è una grande voglia di ritrovarci. Purtroppo, non la sogno ma la sento sempre” confida Alfonso Signorini a cui piace pensare che i cuori che trova un po’ ovunque siano una forma di dialogo muto. “Tante volte non ho risposto perché a quei tempi era solo una perdita di tempo, non avevo voglia e adesso vorrei rispondere e non posso più farlo” si commuove Alfonso Signorini che ripercorre la sua vita dall’infanzia all’amore che dura da 19 anni con il suo compagno, Paolo.

Alfonso Signorini a Verissimo

I suoi genitori avevano venduto un orologio e un anello per comprare a lui la pianola, per farlo esercitare. Ricorda la povertà ma sempre tanto amore, anche se non sa se suo padre ha capito quanto gli volesse bene.

Il conduttore e direttore di Chi racconta che quando termina le puntate del GF Vip viaggia subito, torna a casa a Roma e dorme nella stanza che era di sua madre, nel suo letto. Quella camera dopo anni è rimasta uguale, non ha cambiato niente, a lui dà così tanta energia, sente sua madre vicina.

Ricorda gli atti di bullismo subiti, anche molto forti, che oggi non sarebbero giustificati, prima purtroppo era diverso. Lo prendevano sempre in giro e una volta in tanti sputarono in un palloncino, lo gonfiarono e lo fecero scoppiare sulla sua faccia. Non lo dimenticherà mai.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.