La moglie di Paolo Rossi: “Lui non parlava molto, mi abbracciava e piangeva”

Paolo Rossi moglie

Federica Cappelletti, la moglie di Paolo Rossi, ospite a Verissimo sabato 27 novembre 2021 ricorda il campione scomparso un anno fa. Paolo Rossi è morto a causa di un tumore ai polmoni, continua a portare alto il suo nome, per amore e per le loro figlie. Non può dimenticare come è iniziata la fine di tutto. Erano così felici, avevano festeggiato il loro amore alle Maldive con le bambine, era marzo del 2020 ed erano appena tornati. Aveva notato che Paolo era dimagrito molto, sono andati a fare degli accertamenti e purtroppo il verdetto è stato terribile. Federica e Paolo Rossi non hanno mai perso la speranza, hanno pensato che ce l’avrebbero fatta, insieme.

Federica Cappelletti: “Abbiamo combattuto fino a un mese dalla morte”

A Verissimo confida: “Siamo andati a fare degli accertamenti che ci hanno dato, purtroppo, il verdetto che mai avremmo voluto sentire. Ma non abbiamo mai perso la speranza, fino a un mese dalla morte abbiamo combattuto per cercare di vincere il nostro mondiale”.

Hanno combattuto la malattia durante il lockdown, è stata dura ma da soli hanno vissuto in maniera diversa anche il loro amore. “Lui aveva capito tutto, ma a un certo punto ho iniziato a raccontargli mezze verità, perché volevo vederlo sereno e positivo. Paolo non parlava molto, ma ogni tanto mi abbracciava e piangeva”.

Il 30 novembre uscirà il suo libro per raccontare tutto. E’ ancora molto arrabbiata con Dio, le ha dato forza il Papa: “Mi ha detto che è giusto così perché anche la sofferenza è una forma di preghiera. Mi conforta il fatto che Paolo sia stato felice e amato fino all’ultimo. Non si è mai sentito solo”, è la sua consolazione ma è anche tanto orgogliose delle figlie: “Nell’istante in cui il medico mi ha confermato che non c’era più niente da fare, ho voluto portarle a salutarlo. Paolo quando le ha viste si è illuminato e tutti e tre hanno capito che quella era l’ultima volta che si vedevano”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.