Lo sfogo di Al Bano dietro le quinte di Ballando con le Stelle

al bano critiche

Ci è rimasto male Al Bano per i commenti negativi che ha ricevuto durante la partecipazione a Ballando con le Stelle. “Non è abituato alle critiche nel canto perché non ne riceve di così cattive” lo difende Romina Carrisi, sua figlia, dopo avere ascoltato il suo sfogo ai microfoni di Oggi è un altro giorno. Romina fa notare l’età di suo padre Al Bano, di quanto sia difficile mettersi in gioco alla sua età su qualcosa che non sa fare. Il cantante ha cercato di fare divertire il pubblico e non meritava tanta cattiveria che confessa gli ha fatto male. “Sono contento di avere partecipato a una trasmissione che secondo me è anti covid perché alleggerisce ma io ho letto delle cose davvero squallide… ma come fanno a partorire delle cose del genere…”.

Al Bano a Oggi è un altro giorno

“Hanno scritto cattiverie a proposito del perché sono venuto a Ballando con le Stelle… la cattiveria di dirmi che dovevo stare a casa e che non potevo ballare, una cattiveria che nemmeno se avessi ammazzato qualcuno…” Al Bano Carrisi spiega cosa l’ha ferito.

“Io lo so che non so ballare” dopo tanti anni di carriera la critica ancora ferisce Al Bano: “Sì, perché le critiche sono belle quando ti fanno vedere un mondo che non conoscevi, quando ti danno modo di migliorare un atteggiamento… Io ho fatto di tutto per fare divertire e forse ci sono pure riuscito. Ma che vogliono di più questi qua?” ha chiuso il cantante di Cellino San Marco senza volere creare alcuna polemica ma pronto ad evidenziare cattiverie assurde, inutili, in un contesto dove davvero non dovrebbero esserci perché è un gioco, perché è uno spettacolo che deve portare allegria.

La pensa allo stesso modo anche Simone Di Pasquale, anche lui fa notare l’assurda cattiveria che negli anni è entrata in ogni programma. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.