Wanna Marchi e Stefania Nobile contro Nadia Rinaldi: sull’Isola una che spacciava droga

Wanna Marchi e Stefania Nobile non hanno davvero digerito la loro mancata partecipazione all’Isola dei famosi e hanno deciso, per l’edizione 2018, di puntare il dito contro una delle concorrenti, arrivando persino a dire dai social che si batteranno ( non è chiaro sapere dove e come) affinchè questa concorrente venga espulsa. Wanna Marchi e sua figlia Stefania Nobile ce l’hanno con Nadia Rinaldi. Tirano fuori un vecchio caso di cronaca di 20 anni fa nel quale l’attrice romana è stata coinvolta. L’astio delle due signore deriva dal fatto che a loro non era stato concesso di partecipare all’Isola dei famosi ( Striscia la notizia fece una vera e propria sommossa dopo i rumors sulla partecipazione di Wanna e Stefania al reality di Canale 5). Un anno dopo, madre e figlia tornano ancora a parlare della loro esclusione e lanciano pesanti accuse un po’ contro tutti. 

WANNA MARCHI ANCORA CONTRO L’ISOLA DEI FAMOSI: QUEST’ANNO NEL MIRINO C’E’ NADIA RINALDI-In un video sui social, Wanna Marchi  parla di Nadia Rinaldi e commenta con queste parole la decisione della produzione di scegliere l’attrice per il cast dell’Isola dei famosi 2018: “Hanno preso una che spacciava e si drogava? Ma chi è? Ma è lei? Ah, è vero, aveva quel passato lì. Lei è degna di andare ad attraccare alla boa. Capito? Hanno preso uno che parla con gli angeli, vergognatevi. Quello prende per i fondelli gente a cui sono morti figli e genitori. Ne vedremo delle belle, non possiamo esimerci dal fare “L’Isola che non c’è”. Faremo L’Isola inopportuna, hashtag Scheri deve morì. Adda morì. Quella è stata in carcere per un kg… Scheri e Parpiglia sono fuori di testa?! Mi state dicendo di un articolo dove si legge che la Rinaldi ha avuto una crisi di pianto ed ha detto che non c’entrava. Che schifo, lei è degna. Scheri, chi ha venduto droga non è degno nemmeno di camminare per strada. Se si redime non può andare in tv, ma magari può fare altro. La guerra è iniziata!”.

Come potrete intuire la Marchi cita in questo suo “sfogo” anche altre persone, il giornalista di Chi Gabriele Parpiglia e Giancarlo Scheri, direttore di Canale 5. La polemica non si ferma qui e continua. e viene fatto anche il nome di Barbara D’urso, anche se non in maniera esplicita: “Mi dite anche di un altro articolo “La Rinaldi è stata fermata e perquisita, addosso le è stata trovata una bustina di coca. Ma nell’appartamento in via Brera è stata trovata la partita da 1 KG e 100 grammi”. No vabbè prima o poi ma la troverò di fronte. E Santa Barbara da Cologno Monzese l’appoggia così? Ragazzi il più pulito ha la mer*a attaccata al cul* che cola.”

Era il 9 agosto del 1998 e su Repubblica si leggeva:TORNA in libertà Nadia Rinaldi. L’ attrice, nota come “Faccione” per il ruolo interpretato nell’ omonimo film di Christian De Sica, è stata rimessa ieri in libertà su disposizione del gip Maria Luisa Carnevale. L’ attrice era stata arrestata il 16 maggio perché nel corso di una perquisizione nel suo appartamento erano stati trovati nascosti in una scatola di scarpe un chilo e 100 grammi di cocaina. Il 30 maggio aveva ottenuto gli arresti domiciliari.” L’attrice era stata poi rinviata a giudizio. 

WANNA MARCHI PUNTA IL DITO CONTRO STRISCIA LA NOTIZIA: LE ACCUSE AL TG SATIRICO DI CANALE 5– Sempre nel video la Marchi attacca: “Striscia perché non è intervenuta in questo caso? Ricci dormivi? Ti svegli solo quando si parla di Wanna Marchi. Questa arrestata per spaccio, insomma è un bel curriculum. Vai a fare in cul* faccione di mer*a. A me non interessa nulla, ma mi fa male quando una che ha la peste si mette a criticare una che ha il morbillo. Tu hai il diritto di tornare in video e noi no?! Hashtag Nadia la boa. Mi batterò perché venga espulsa.”

( il video in questione è on line sule pagine Fb di Stefania Nobile e di Wanna Marchi)

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.