Le parole di Maria de Filippi contro il bullismo: da Tu si que vales un messaggio importante

E’ stata una serata caratterizzata dai messaggi da mandare e dalle cose importanti da ribadire, quella del 17 ottobre 2020, per i protagonisti di Tu si que vales. Lo hanno fatto i concorrenti, con le loro esibizioni, ma lo ha fatto anche Maria de Filippi che di certo non si tira indietro quando c’è una occasione per dire qualcosa di importante. Ieri lo ha fatto contro i bulli, contro i razzisti. E ha regalato delle vere e proprie perle di saggezza che dovremmo rileggere più spesso. Perchè tutti in fondo sbagliamo, chi più chi meno, e per evitare di diventare un leone da tastiera, un haters che odia tutto e tutti, dovremmo riflettere. Come dovremmo riflettere tutte le volte che incontriamo chi crediamo essere diverso da noi…

MARIA DE FILIPPI CONTRO IL BULLISMO A TU SI QUE VALES

Raffaele, 26enne di Cremona nato con la sindrome di Treacher Collins sale sul palco di Ballando con le stelle. Si sente diverso, glielo hanno sempre fatto notare tutti. Per la sua faccia, per il suo modo di parlare, per il suo modo di essere. Ci prova a fregarsene ma non è facile. “Mi hanno chiamato anche mostro, alieno, ridendo come matti alle mie spalle” ha ricordato Raffaele nel suo monologo.

Alla fine della sua esibizione, Maria ha commentato:

La trasmissione andrà in onda e sui social ancora qualcuno scriverà. Tu devi imparare a fottertene, non sempre la gente capisce. Quelli che ti scrivono e ti insultano, se tu riesci a fregartene, l’insulto a loro rimbalza. Non potrai mai combattere contro l’ignoranza. La devi semplicemente capire e giudicare come tale e allora riesci a non farti ferire. Sennò, passi un’inutile sofferenza (…) Te ne devi fregare, non devi fartene un dramma. Mai, proprio mai. Quando ti insultano, non leggerli! Dimenticateli! (…) Spesso chi scrive cattiverie non si rende conto. Magari scrive ‘sei un gran cesso’ e non capisce che la frase può creare un dramma in chi la riceve, non se ne rende conto, perché è ignorante. Vai a testa alta! Fregatene di chi ti scrive, è questione davvero di ignoranza!

E’ proprio vero, il primo nostro grande problema è l’ignoranza. Non è la cattiveria perchè spesso alcuni commenti sono frutto di una ignoranza di cui alcuni non hanno neppure colpa. Si parla, si scrive sui social, come se fosse un luogo per dare libero sfogo alla rabbia, alle frustrazioni.

Commentando un’altra esibizione Maria ha poi anche sottolineato come i social siano utili, se usati nel modo giusto.

ci sono purtroppo tanti ragazzi che non usano i social, che sono uno strumento straordinario, in modo intelligente. Tramite voi si può far capire a quelli che li usano in maniera sbagliata. Non sono solo i ragazzi a usarlo in maniera sbagliata, eh, ci sono anche gli adulti

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.