Clizia Incorvaia denuncia il bullismo contro Micol: “E’ sporca, non si lava” ma c’è molto altro

Clizia Incorvaia denuncia il bullismo su sua sorella Micol riportando gli attacchi di alcune donne del GF Vip
clizia incorvaia bullismo Micol

Clizia Incorvaia ha la sofferenza nel cuore, sa che sua sorella Micol Incorvaia nella casa del GF Vip sa difendersi da sola ma ha deciso di dare una risposta a tutti. In molti le riportano cosa dicono alcune donne della casa su Micol. Clizia commenta, anticipa che questa sarà la sua unica e ultima riposta ma parla di bullismo. La sua unica intenzione è quella di sostenere sua sorella e di dire a tutti di non prendere esempio dalla cattiveria gratuita dell’essere umano. E’ chiaro il suo riferimento a Oriana Marzoli e Antonella Fiordelisi: “Questo è bullismo, bullizzare, prendere di mira una persona”.

Clizia Incorvaia: “Donne che odiano le donne”

“Dire ‘Fai ca*are’, ‘Fa schifo, ‘è sporca e non si lava, che schifo ha i capelli sporchi, ‘ha un fisico brutto’. Dire tutte queste cose danneggiando e screditando una persona è BULLISMO” Clizia Incorvaia prosegue: “Donne che odiano le donne… Il più brutto esempio da dare ai giovani. In più si sta sfociando in un atteggiamento di bullismo”.

Sono tante le frasi dette nella casa del GF Vip contro Micol, soprattutto da parte dell’influencer venezuelana: “Io non so come hai fatto a stare con quella ragazza” rivolta ad Edoardo Donnamaria. “L’altro giorno quando l’ho pettinata mi sono resa conto che aveva i capelli sporchissimi. Mi fa schifo questo che non ha lavato i capelli. A me ha fatto schifo con i capelli sporchi e l’ho detto anche ad Antonino. Non hai mai visto te? Dai ma si vede era tutto sporco. Io a lei l’altro giorno ho detto ‘ma ti sei lavata i capelli?’. Poi anche ‘ti sei lavata in questi giorni qui dentro?’”. Poi ancora Oriana: “Ma poi anche come si trucca? Come si veste?”.

La conclusione di Clizia: “Dietro la denigrazione c’è tutta la tristezza e l’insicurezza dell’essere umano. Non dirò nulla di male contro questi esempi di donne, poiché il bullismo non si combatte con altro bullismo. Ma spero vivamente che si plachino e la smettano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.