Con la dieta vegetariana si vive più a lungo

Da un nuovo studio riportato su “JAMA Internal Medicine” – rivista dove vengono pubblicati molti articoli accademici –, è emerso che adottare una dieta vegetariana fa vivere meglio e più a lungo. È stato appurato che la dieta composta di frutta e verdura proteggerebbe da diverse malattie, tra le quali l’ipertensione. I risultati hanno dimostrato una connessione tra la scelta di un’alimentazione vegetariana e una riduzione del 12% del rischio di morire per una qualsiasi causa di decesso rispetto ai non vegetariani.  L’associazione sembra favorire gli uomini: in loro è stata riscontrata la riduzione della mortalità per malattie cardiovascolari, ischemiche e altre malattie cardiache. La causalità di questa differenza percentuale non è risultata chiara, ma ciò che invece è risultato palese è che una dieta vegetariana conviene. La ricerca è stata condotta tra il 2002 e il 2007 dal dottor Michael J. Orlich e i colleghi della Loma Linda University (California). Gli studiosi hanno analizzato i casi di morte generali e specifici di oltre 73mila uomini e donne. La ricerca – qualitativa e quantitativa – ha visto il campione coinvolto suddividersi in cinque gruppi distinti: non vegetariani (onnivori), semi-vegetariani, pesco-vegetariani (quelli che mangiano solo pesce), lacto-ovo-vegetariani (quelli che mangiano anche latticini e uova) e vegani (ovvero quelli che non mangiano alcun prodotto di origine animale). La differenza nei decessi tra gli onnivori e gli altri quattro gruppi variava dallo 0,88% al 12%, in ordine crescente. Quindi chi era solito mangiare carne e pesce aveva la probabilità di vivere meno a lungo e di soffrire di varie malattie, rispetto a chi era solito praticare la dieta vegetariana. La dieta vegetariana è stata promossa anche nel recente passato da esperti e dottori, quali Umberto Veronesi.

One response to “Con la dieta vegetariana si vive più a lungo

  1. Non trovo traccia dell’articolo in questione di Orlich MJ su JAMA, potrebbe darci qualche notizia in più a riguardo?
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.