Curare le smagliature anche in estate: ecco come fare

Il problema delle smagliature può essere risolto anche in estate, basta scegliere i trattamenti adeguati a questa stagione

Le smagliature sono un problema che affligge molte donne e spesso purtroppo non ci sono delle soluzioni efficaci e rapide per farle sparire immediatamente. Le smagliature sono delle alterazioni della pelle in seguito a delle modifiche che il corpo subisce, ad esempio infatti solitamente si sente parlare soprattutto di smagliature da gravidanza. Ma non solo la gravidanza, anche una dieta drastica, un aumento di peso eccessivo, un’alterazione ormonale, possono essere la causa della creazione delle smagliature. Ed eccole dunque apparire su pancia, seno, braccia, cosce e sedere. E allora cosa fare per ridimensionare questo problema? Inoltre, spesso la maggior parte degli interventi sono sconsigliati in estate a causa del sole che può peggiorare la situazione. Ma non disperate, nulla è ancora perduto anche se la bella stagione è ormai inoltrata. Esistono delle tecniche che si possono utilizzare anche d’estate. Si tratta di due metodi in particolare, quello della biodermogenesi e quello dell’oxy-carbossiterapia. Entrambi non sono assolutamente invasivi e favoriscano la ricrescita del tessuto smagliato, ridandogli colore e rendendolo meno visibile. La biodermogenesi consiste nel far passare sulle smagliature un piccolo rullo che erogando impulsi elettrici stimola la produzione del collagene e dell’elastina. Sempre questo attrezzo emette anche campi magnetici che permettono di migliorare l’attività vascolare e dunque la rigenerazione del tessuto, attivando lo scambio cellulare. E’ assolutamente indolore e non lascia cicatrici. I suoi punti di forza sono appunto l’utilizzo della radiofrequenza e dei campi magnetici. In parole molto semplici, in questo modo le smagliature “si riempiono”, come se fossero ricolorate dello stesso colore della pelle e per questo che il sole è fondamentale in questo trattamento. L’altro metodo è quello dell’oxy-carbossiterapia. Nello spessore delle smagliature vengono infilati degli aghetti piccolissimi che immettono delle piccole quantità di anidride carbonica, mentre dall’esterno viene esercitata una forte pressione con dell’ossigeno. Anche questo metodo non è invasivo ed è molto sicuro. Ci si può esporre al sole dopo alcuni giorni dalla cura. Ecco dunque come poter correre ai ripari, per una bellezza last minute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.