Troppo zucchero fa male alla memoria

Alti livelli di zucchero del sangue sono pericolosi, non solo perché contribuiscono alla comparsa di patologie come il diabete, ma perché comprometterebbero la memoria. A dichiararlo è un nuovo studio di origine tedesca e pubblicato sulla rivista Neurology della American Academy of Neurology che dimostra come i soggetti che fanno un consumo di zucchero più consistente rispetto ad altri che invece ne consumano quantità più ridotte abbiano una memoria meno forte. I ricercatori tedeschi della Facoltà di Medicina dell’Università Charité di Berlino quindi mettono in guardia tutti i soggetti che tendono a consumare quantità eccessive di zuccheri aggiungendo un altro rischio a quelli già conosciuti.

Lo studio pubblicato sulla versione on line della rivista Neurology insomma dimostrerebbe come una quantità eccessiva di zucchero possa ledere anche alla memoria e alle capacità cognitive. L’esperimento ha coinvolto la presenza di 141 persone di entrambi i sessi. L’età media dei soggetti esaminati era 63 anni e ad ognuno di essi è stata fornita una lista di 15 parole. L’esame è consistito nel chiedere ai soggetti esaminati di ricordare quante più parole possibile della lista ad una distanza di circa 30 minuti dall’ultima volta che le avevano ascoltate. I risultati meno performanti sono stati ottenuti proprio da coloro che avevano ingerito maggiori quantità di zucchero.

Ad essere tenuti sotto controllo durante gli esami vari parametri, come il livello di zuccheri nel sangue e l’attività dell’area cerebrale deputata alla memoria (ippocampo) che è stata monitorata attraverso varie scansioni: “Questi risultati – ha dichiarato la dott.ssa Agnes Flöel, principale autrice dello studio – suggeriscono che anche per le persone all’interno della gamma normale di zucchero nel sangue, abbassare i propri livelli potrebbe essere una strategia promettente per prevenire problemi di memoria e declino cognitivo in futuro”.

Evitare quindi di eccedere con gli zuccheri è un comportamento che comincia ad assumere un ruolo fondamentale nella determinazione dello stato di salute di una persona. Mangiare pochi dolci quindi aiuta ad evitare la comparsa del diabete e – grazie ai risultati del nuovo studio – ora sappiamo aiuta anche a preservare la memoria.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.