Cosa fare quando invitiamo a cena un amico celiaco

Cosa fare quando tra gli ospiti a  tavola abbiamo un amico celiaco? Sempre più diffusa negli ultimi anni è la celiachia. Si tratta di un’intolleranza al glutine permanente, dalla quale non si guarisce. I sintomi possono essere vari, a volte la celiachia è silente e si scopre di essere celiaci in età avanzata, in altri casi è una patologia diagnosticata sin dai primi anni di vita. In tutti i casi – non esistendo cura – l’unica cosa che un celiaco può fare per non incorrere negli spiacevoli effetti collaterali della malattia è mangiare alimenti privi di glutine. Come fare a preparare una cena gluten free (per celiaci quindi) senza commettere errori ed evitare che il nostro ospite si senta male? Sembrerebbe facile detto così, ma non lo è. Sì perché il problema interessa prima di tutto molti più alimenti di quelli che immaginiamo e poi perché, oltre all’accortezza sui cibi che si offrono ai nostri amici celiaci, particolare attenzione deve essere fatta a come essi si cucinano.

Mai ad esempio girare con lo stesso cucchiaio con cui si è girata la pasta classica, la pasta priva di glutine (solitamente al mais o al riso o prodotta attraverso un mix delle due farine). Stesso discorso vale per le pentole. Non si può utilizzare la stessa padella o la stessa pentola: in realtà il celiaco, soprattutto colui che è affetto da forme gravi di celiachia, dovrebbe avere un proprio piatto, proprie posate e proprie pentole dove cuocere gli alimenti. A volte infatti non è sufficiente nemmeno lavare le stoviglie per eliminare ogni traccia di glutine. Meglio per questo usare utensili di plastica, là dove è possibile.

Attenzione poi agli alimenti “falsi amici”, quelli che si crede di poter offrire ad un celiaco mentre invece a dispetto di ogni pensiero, essi contengono glutine. Lo sapevate che il prosciutto cotto e la mortadella, a meno che non sia specificato sulla confezione, contengono glutine? Idem il dato o il glutammato utilizzato per minestre o per insaporire piatti. La birra, ovviamente, continene glutine quindi se decidete di fare una pastella per friggere qualcosa con la farina di riso e poi nell’impasto per renderla leggera mettete della birra, più che una pastella avrete fatto una frittata.. da buttare!

Sì invece a mais, riso, tapioca e farine di diverso tipo come quella di mais o di riso per fare dei dolci. E ancora sì verdura, patate e legumi. Leggete bene le etichette dello yogurt e dei gelati, soprattutto questi ultimi spesso contengono tracce di glutine!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.