Comunicare con l’inconscio per stare bene


Allegato mancante

“Conoscere ed interpretare il linguaggio emotivo dell’inconscio significa conoscersi o meglio conoscere aldilà della parola l’interlocutore, significa governare, dialogare e negoziare con se stessi”  afferma Massimo Pisani  Analogista e fondatore di Pacommunication Brindisi, un marchio home-made per la divulgazione della Comunicazione efficace e persuasiva. Ma che cos’è l’inconscio? E come può agire su di noi? Per il padre della Psicoanalisi, Sigmund Freud, per spiegare i fenomeni psichici occorre distinguere tra un livello conscio e uno inconscio e attribuire a quest’ultimo un’azione causale sul primo  . Ma come possiamo comunicare col nostro inconscio?  In questa intervista cercheremo di focalizzare i punti principali di questo procedimento.

–          Massimo in che modalità possiamo comunicare col nostro inconscio e ottenere delle risposte?

 La Comunicazione con l’inconscio attraverso il ®SISTEMA DI FOCALIZZAZIONE ANALOGICA (®S.F.A. di M. Pisani) permette di dialogare direttamente con la parte emotiva dell’individuo. Dopo averlo appreso è un sistema “Fai da te” che attraverso delle domande precise al proprio inconscio permette di ottenerne le risposte.

–          Come si procede esattamente?

 Il modo più semplice è il seguente: il soggetto si pone in piedi, in posizione ortostatica, si auto- sensibilizza visualizzando ad occhi chiusi uno per volta i tre simboli archetipici : asta, triangolo, cerchio.

Questi simboli verranno visualizzati ad una certa distanza, uno per volta e dovrete immaginare che tenderanno ad avvicinarsi (ingrandendosi) ed allontanarsi da voi (rimpicciolendosi): Asta (che stà per papà), Triangolo (che stà per Mamma) e Cerchio (se stesso).

Durante la visualizzazione dei tre simboli il corpo oscillerà, in modo più o meno vistoso, in avanti o indietro in base ai simboli visualizzati. Se il vostro corpo tenderà istintivamente in avanti significa si, mi piace, è vero – al contrario indietro significa no, non mi piace, non è vero.

   Che cosa accade quando vi è disequilibrio tra la parte Logica e quella Emotiva (analogica)?

Si presentano blocchi che comportano difficoltà ad agire proprio quando l’azione è richiesta (demotivazione) o, al contrario, si “iperagisce” quando invece l’azione non è richiesta. E’ fondamentale perciò comunicare col nostro inconscio.    

 Antonella Marchisella

 

1 commento per “Comunicare con l’inconscio per stare bene”

  1. settembre 1, 2011

    Ringrazio la Sig. S. Longo per aver riportato la mia intervista, rimango a disposizione per eventuali articoli in merito. Grazie

Commenta l'articolo


  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.:03370960795 - iscrizione REA: 307423