La depressione: una malattia sottovalutata


La depressione: cos’è quest’incredibile sconosciuta? Sì sconosciuta perchè la maggior parte degli italiani non la reputano una malattia da quanto risulta dalle ultime statistiche. E’ una malattia che colpisce profondamente la psiche e che logora tutto ciò che abbiamo di bello e di felice nelle nostre esistenze, lasciando solamente un angolo vuoto e senza luce. Non avere più voglia di fare nulla, angoscia, disperazione, un enorme vuoto impossibile da colmare, questo è ciò che provano coloro che soffrono di depressione. Se la depressione non viene trattata come una malattia da chi ne è affetto, utilizzando una terapia farmacologica e personalizzata in base al caso, rischia di avere delle serissime conseguenze sulla persona che ne soffre.

Grazie ad un convegno che si sta svolgendo a Milano sono stati diramati i primi risultati su recenti studi: ad esempio, chi si trova nelle grandi città è più soggetto alla depressione, soprattutto in quelle parti di città dove c’è degrado e minore sicurezza per i cittadini. Si è così dedotto, che il contesto sociale in cui la persona vive è fondamentale per la predisposizione ad avere questa malattia psicologica. L’obiettivo principale del Congresso è quello di capire le riconversioni che si hanno nei quartieri più degradati, cercando di affiancare in questo modo non solo una terapia per il paziente, ma anche una riqualificazione della zona di territorio da cui proviene il paziente, potendo così cercare di evitare l’insorgenza di questa malattia e la predisposizione di chi abita in quella particolare zona a cadere in depressione.


Leggi altri articoli di Salute

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close