Nausea in gravidanza, come combatterla con rimedi naturali

In gravidanza, la nausea è uno dei problemi maggiori delle future mamme, e spesso per essa non c’è soluzione, in quanto non è possibile assumere farmaci per non intaccare lo sviluppo del feto. Eppure la nausea in gravidanza colpisce l’80% delle donne, soprattutto nei primi tre mesi della gestazione. Esistono dei rimedi naturali per questo disturbo? A quanto pare sì. Innanzitutto, la mattina, prima della colazione, mangiate una caramella, o uno zuccherino: vi aiuterà a prevenire la nausea. Provate inoltre a godervi dei piccoli snack salati nel corso della giornata, come crackers, grissini, ecc., ed evitate categoricamente il digiuno, che invece dà una sensazione di vuoto aumentando il malessere. Evitate cibi grassi, o dall’odore forte; sarebbe meglio non ingerire latticini, soprattutto la mattina, e poi limitate il consumo di caffè. L’acqua va bevuta lontano dai pasti. Fate anche una bella passeggiata, considerando che spesso la nausea è dovuta a problemi di digestione.

Per limitare la nausea in modo naturale, il consiglio è quello di mangiare fette biscottate e biscotti secchi; molto utili sono anche i ghiaccioli, o comunque il ghiaccio nel suo complesso. Sul mercato ci sono ghiaccioli nati appositamente per ridurre il senso di nausea in gravidanza, e il loro nome è Lillipops,

Per alleviare la nausea in modo naturale, può far bene bere un bicchiere di acqua minerale o di coca cola, a sorsi piccoli. Mangiate quando ne avete voglia, a prescindere dagli orari dei pasti (colazione, pranzo e cena). Infatti, mangiare quando non si ha appetito, è controproducente e fa aumentare la nausea.

Anche le tisane calmanti fanno bene contro la nausea in gravidanza, come quelle allo zenzero, anche se per quest’ultimo non si ha certezza che funzioni davvero: per alcune donne in dolce attesa, è un buon rimedio, per altre no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.