Protezione solare: ecco perché metterla tutto l’anno

Perchè è importante mettere la crema solare tutto l'anno e quale è il suo ruolo nella protezione dei nei
crema solare tutto l'anno

Capita spesso di compiere l’errore di credere che la crema solare viso vada messa solo durante l’esposizione solare in estate. La verità è che, secondo gli esperti dermatologi, questa andrebbe usata durante tutto l’anno in modo tale da proteggersi dai raggi UV sempre.

La crema solare è, infatti, il miglior anti-età che si possa utilizzare, motivo per cui andrebbe inclusa come step principale nella cura e protezione della propria pelle. È importante, infatti, che la crema solare venga applicata ogni giorno perché l’esposizione solare, prolungata nel tempo, rappresenta il maggior responsabile non solo di un invecchiamento precoce della pelle, ma anche di molti tumori cutanei.

Ma come utilizzare correttamente la crema solare?
Secondo gli specialisti, la protezione solare va applicata ogni due ore quando ci si espone volontariamente e direttamente ai raggi solari (anche se si va in montagna), se invece l’esposizione potrebbe essere breve o comunque indiretta, allora basta applicarla al mattino.

Proteggere i nei

I nei sono aree della pelle o delle mucose in cui uno sviluppo anomalo di melanociti o di altri tipi di cellule. Si tratta di macchie dalla forma circolare o ovale quando sani e possono essere in rilievo o piani, oltre che di diverso colore: più comunemente marroni, neri, blu o dello stesso colore della pelle.

Nella maggior parte dei casi i nei sono inoffensivi e possono comparire sulla pelle spontaneamente durante la vita, in altri casi sono congeniti e presenti fin dalla nascita. Tuttavia, in alcuni casi, anche se rari, possono dare origine a forme tumorali come il melanoma.
Il melanoma è un tipo di tumore maligno della pelle che può avere origine proprio dalla trasformazione di un neo oppure da una porzione di cute. Si tratta di un tumore molto aggressivo in grado di diffondersi in profondità e di estendersi fino a raggiungere linfonodi e organi anche molto distanti dal punto di origine, generando metastasi in maniera rapida.

La guarigione è possibile se il melanoma viene trattato nelle sue prime fasi di sviluppo ed è per questo che è consigliato effettuare delle visite dermatologiche in maniera regolare.
Visto il rischio che il melanoma origini da un neo, consideriamo essenziale preoccuparsi della loro protezione durante l’esposizione ai raggi. Esistono infatti diversi prodotti, alcuni dei quali venduti in farmacia, che vengono utilizzati appositamente per la protezione dei nei.

Come riconoscere un neo sospetto

Il nostro consiglio è quello di monitorare sempre i vostri nei attraverso la regola ABCDE:

  • A sta per asimmetria, verificate che le due metà del neo non siano diverse tra loro
  • B sta per bordi, verificate che i margini non siano irregolari e frastagliati
  • C sta per colore, verificate che il colore sia uniforme e non troppo scuro
  • D sta per dimensione, verificate che non siano aumentati di spessore o larghezza, specie se le dimensioni sono superiori a 6 mm
  • E sta per evoluzione, prestate attenzione al neo e assicuratevi che non si sia modificato in un periodo di tempo breve (tra 6 e 8 mesi).

Anche la consistenza, l’eventuale presenza di un’infiammazione o l’area intorno arrossata sono fattori da tenere in considerazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.