Film Disney, Il re leone: per rivivere una grande emozione

Film Disney- Recensioni

Il re Leone

Il film della Walt Disney passerà alla storia come uno dei più belli che il cinema abbia mai avuto. Del resto Il re leone ha anche vinto due premi oscar uno per la miglior colonna sonora e l’altro per la miglior canzone. Il coraggio del piccolo Simba e il suo dolore per la perdita del padre Mufasa hanno commosso grandi e piccini che di fronte ad alcune scene hanno consumato centinaia di fazzolettini di carta. Un film in cui si racconta della smania di potere nella società, che acceca, chi vuole a tutti i costi impossessarsene, dimenticando i legami affettivi. Una voglia di potere che porta a ingannare e a fare della cattiveria un modo di vivere. Tutto avviene nel mondo animale ma le cose tra gli uomini non vanno poi in modo tanto differente. Infondo la nostra realtà quotidiana è una grande giungla: ognuno di noi è un pezzo fondamentale di un puzzle più grande chiamato vita.  E’ proprio la canzone che apre il film d’animazione a ricordarci alcune cose importanti che molto spesso dimentichiamo. “E un bel giorno ti accorgi che esisti…Che sei parte del mondo anche tu…Non per tua volontà. E ti chiedi chissà…Siamo qui per volere di chi!… E’ una giostra che va questa vita che gira insieme a noi e non si ferma mai…  E ogni vita lo sa che rinascerà in un fiore che ancora vivrà.”


Vediamo insieme la trama del film della Walt Disney Il re leone

Il re della foresta, Mufasa, ha avuto un cucciolo: è Simba erede del suo impero. Tutti gli animali sono chiamati della savana sono chiamati per rendere omaggio al nascituro. Gazzelle, elefanti, zebre, giraffe, ippopotami: tutti si inchinano di fronte al futuro re. Rafiki, lo stregone, da la sua benedizione al piccolo Simba. E’ una festa di musica e colori per il grande evento. Solo un leone non è felice di questa nascita: è Scar, fratello di Mufasa e zio del piccolo. Lui e le sue amiche iene stanno progettando un piano per eliminare il re leone e impossessarsi del regno. Intano Simba cresce curioso più che mai insieme alla sua amichetta del cuore il leoncino Nala. I due si cacciano sempre nei guai per questo sono affidati alle cure di Zazu un uccello. Un giorno però si fanno incantare da una leggenda che scar gli ha raccontato di proposito e finiscono in un bruttissimo posto: è il Cimitero degli elefanti. Le iene li aggrediscono e i cuccioli si salvano per miracolo grazie all’intervento di Mufasa. Il leone è molto arrabbiato con il piccolo che questa volta l’ha combinata davvero grossa mettendo a rischio anche la vita di Nala.  Ma Scar non si da per vinto e prepara un piano ancor più diabolico. Convince infatti Simba ad aspettarlo in un posto isolato. Con l’aiuto poi delle iene scatena un gruppo di gnu che si precipitano contro il piccolo leoncino. Mufasa si accorge del pericolo che sta correndo Simba e per salvarlo morirà. Scar potrebbe aiutare suo fratello ma non lo fa anzi, lo spinge incontro alla morte. Il piccolo Simba però non assiste alla scena ma ritrova il corpo ormai esanime di suo padre. Scar gli dice che è tutta colpa sua e lo invita a scappare lontano altrimenti se resta tutti lo odieranno. Simba corre per decine di chilometri e si ritrova in un posto che non ha mai visto prima.

Timon e Pumbaa lo accolgono in questa nuova terra. Il leone non racconta nulla del suo passato e impara a vivere in questo strano posto al ritmo di Hakuna Matata, canzoncina cantata per dimenticare le cose brutte e pensare solo a quelle belle. Intanto Scar raggruppa tutte le leonesse e le invita a prendere atto che una nuova era è giunta: un’era in cui leoni e iene conviveranno insieme senza darsi problemi. Peccato però che questo nuovo regno duri ben poco e che la fame e la siccità e prendano il sopravvento. Un giorno per caso Simba ritrova Nala e deve fare i conti con il suo passato. La leonessa gli racconta di quello che sta accadendo e lui decide di tornare anche per ritrovare sua madre. Si accorgerà ben presto di come le cose siano cambiate in negativo e di come Scar abbia regnato senza il minimo rispetto per gli altri. Inoltre verrà a sapere che non è stato lui la causa della morte di suo padre ma suo zio. Questo gli darà la carica per combattere contro Scar che cerca più volte di ingannarlo. Dice che la colpa di tutto è delle iene così Simba lo grazia, non è crudele a tal punto. Ci pensano però le sue care amiche iene a ucciderlo per vendicarsi delle menzogne. Simba riprende il suo posto nel cerchio della vita e tutto ritorna al proprio posto. La storia si chiude con la nascita di un cucciolo frutto dell’amore tra Nala e Simba.

Una bella storia ricca di tanti piccoli insegnamenti, coinvolgente e all’insegna dei colpi di scena. Un’occasione di riflessione anche se si tratta di un cartone. Come tutti quelli della Walt Disney non è fatto a caso ma ogni parola ha un significato importante e ogni gesto è metafora di qualcosa di più grande che noi tutti dobbiamo capire. Dopo il Re Leone la Walt Disney ha realizzati due sequel del film: Il re leone II: il regno di Simba e Il re leone III: Hakuna Matata. Inoltre sono stati realizzati altri film d’animazione usciti in videocassetta o dvd che hanno per protagonisti Timon e Pumbaa: In giro per il mondo con Timon e Pumbaa, Fuori a cena con Timon e Pumbaa e In vacanza con Timon e Pumbaa.

Filomena Procopio

2 responses to “Film Disney, Il re leone: per rivivere una grande emozione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.