Lamberto Sposini e quell’accordo con la Rai che non si trova: il risarcimento arriverà?


Sono passati otto anni dal giorno in cui Lamberto Sposini ha lasciato in ambulanza gli studi Rai per non farci più ritorno. In questi anni, dopo il brutto malore, i suoi colleghi lo hanno sempre ricordato, hanno sempre avuto un pensiero per lui. Ma a quanto pare le parole degli amici sono le sole cose che arrivano dalla Rai, almeno a giudicare da quello che si legge oggi su un articolo del Corriere della sera e riguarda proprio l’accordo, al momento non raggiunto, tra la Rai e il giornalista. A parlare è Sabina Donadio, l’ex compagna di Lamberto che da quel maledetto giorno si prende cura di lui. La donna spiega che non è una questione di soldi. In primo grado la richiesta del giornalista non è stata accettata e si è ricorso in appello. I giudici hanno invitato le parti a trovare un accordo extragiudiziale, da 11 milioni di euro di risarcimento a 350 mila. La Donadio però spiega che quello che lascia l’amaro in bocca è l’atteggiamento della Rai: “Vorrei fosse chiaro che per noi non è una questione economica. Lamberto ha bisogno di cure costanti, ma il punto non è questo. Ci piacerebbe che, umanamente, la Rai fosse un interlocutore diverso, perché non si può liquidare così quello che è successo“.

LAMBERTO SPOSINI ULTIME NOTIZIE: QUELL’ACCORDO SUL RISARCIMENTO CON LA RAI CHE NON SI TROVA

Secondo la famiglia di Lamberto, lo ricordiamo, i ritardi nei soccorsi al giornalista avrebbero provocato una aggravarsi della sua situazione dopo l’emorragia cerebrale e quindi anche tutte le conseguenze ( inclusa la perdita del lavoro di Sposini).

La famiglia di Lamberto accusa la Rai di essersi completamente disinteressata di questa vicenda, soprattutto moralmente. L’avvocato della famiglia di Sposini spiega: “Stiamo parlando di un conduttore che alla televisione pubblica ha dato moltissimo. Inoltre, la Rai rischia una condanna per milioni di euro: perché non arrivare a un accordo che si chiuderebbe con 350 mila euro? Perché continuare questo stato di incertezza? “.

La Rai fa sapere che, essendoci un giudizio in corso, per tutelare tutte le parti preferisce non parlare.

Ma quale sarebbe la colpa della Rai in questa vicenda? Secondo i legali di Sposini, l’ambulanza sarebbe arrivata a causa di indicazioni sbagliate ben oltre gli 8 minuti classici, dopo oltre 50 minuti. Inoltre chi ha lanciato l’allarme avrebbe parlato di un infarto per cui Sposini sarebbe stato portato in un centro non specializzato per il suo problema di salute. Secondo il legale di Sposini le cose in Rai sarebbero cambiate dopo questa situazione tanto che, nel caso di Frizzi, i soccorsi avrebbero svolto un ruolo fondamentale.

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close