La confessione di Edoardo Raspelli a Storie Italiane: violentato quando aveva 14 anni da sei persone

Una puntata molto forte quella di Storie Italiane in onda oggi 15 novembre 2019. Nella seconda parte del programma condotto da Eleonora Daniele abbiamo ascoltato anche la confessione di Edoardo Raspelli che ha deciso di parlare di un momento difficilissimo della sua vita. Il conduttore infatti ha subito delle molestie, delle violenze e oggi ne parla perchè vuole anche lui in qualche modo sensibilizzare su queste tematiche. Una confessione molto forte che arriva nel salotto di Eleonora Daniele che come sempre, ha ascoltato con grande attenzione le parole del suo ospite.

Un momento molto forte vista la confessione fatta dal conduttore che con grande dolore ha deciso di raccontare al pubblico la sua storia.

EDOARDO RASPELLI A STORIE ITALIANE SI CONFESSA: MI HANNO VIOLENTATO QUANDO AVEVO 14 ANNI

E’ stato un caso che io lo raccontassi un giornale mi ha chiesto dei racconti, e al dodicesimo e ultimo articolo ho deciso di raccontare quanto mi fosse successo” spiega il conduttore. E ancora: “Quando mi hanno violentato avevo 14 anni mentre due anni prima, facevo la seconda media, un compagno mi aveva toccato.

Un dolore che ancora oggi non si dimentica: ” Ricordo con sofferenza anche adesso che ho 70 anni, quel momento: sei compagni di scuola mi hanno aggredito e violentato. Io l’ho chiamato “il piacere e la vergogna”, visto che da una parte c’era un piacere nel fare questa cosa, da parte di chi l’aveva fatto, e nel contempo la vergogna di chi l’aveva subita. Poteva essere un divertimento ma non lo era”.

Raspelli ricorda quei momenti e non può che provare ancora oggi tantissima sofferenza: “Se raccontarlo adesso mi fa tanto dolore, figurati all’epoca…” . Queste le parole del conduttore che oggi, dal salotto di Storie Italiane, ha voluto raccontare un evento davvero drammatico che ha in qualche modo segnato per sempre la sua esistenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.