Al Bano torna a parlare di Ylenia: “So come è morta” e rivela che cosa ha fatto per sconfiggere il dolore

Due punti di vista completamente diversi quelli di Al Bano e Romina Power. Due modi di pensare che hanno forse anche contribuito per lungo tempo a una guerra in famiglia. Romina non si rassegna: spera ancora che sua figlia Ylenia Carrisi sia da qualche parte, senza memoria, ma che stia bene. Al Bano invece, dopo aver cercato in lungo e largo alla fine si è arreso e oggi prova a darsi delle risposte. Il cantante di Cellino San Marco ha una sua idea e racconta come pensa sia morta sua figlia. A differenza di Romina per Al Bano la sua bella e dolce Ylenia non c’è più: si è gettata nelle acque del fiume probabilmente sopraffatta dalla droga.

AL BANO PARLA DELLA MORTE DI SUA FIGLIA YLENIA: ECCO COSA SAREBBE SUCCESSO

Su Libero Quotidiano le ultime parole di Al Bano in merito a questa vicenda:

Al Bano sembra non nutrire speranze, convinto che nella morte della figlia abbia giocato un ruolo importante la droga. Secondo il cantante di Cellino San Marco, sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, Ylenia si sarebbe suicidata in un corso d’acqua del Mississipi. “Ho nutrito per anni la speranza, ma oggi so che se n’è andata tra le acque di quel fiume”, ha affermato Al Bano, lasciando intendere di essere convinto che la figlia si sarebbe suicidata.

Al Bano ha affrontato questo dolore di nuovo, scrivendo la sua autobiografia. Non è stato semplice e racconta:

“Ho bevuto fino a stordirmi prima di aggiungere alla mia autobiografia la parte sulla scomparsa di mia figlia Ylenia. Poi ho chiamato il giornalista che ha collaborato con me alla stesura del libro, e ho dettato. Non ho neppure voluto rileggerlo”.

Un dolore troppo grande ma per Al Bano, accettare la morte di sua figlia, ha significato forse in qualche modo ritrovare anche la pace per andare avanti. Senza mai dimenticare ma sperando che Ylenia sia in un posto migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.