Michele Bravi contro Pio e Amedeo: “Le parole sono importanti quanto l’intenzione”

Dopo la scelta di Pio e Amedeo di chiudere Felicissima sera con un monologo su quello che per loro non dovrebbe essere ritenuto politicamente scorretto, sui social è esploso un vero e proprio caso. E anche Michele Bravi dal palco del concerto del primo maggio 2021 ha voluto dire la sua. Nel corso della giornata ieri, ci sono stati migliaia di tweet contro i due comici foggiani e diversi artisti hanno preso posizione. In particolare Pio e Amedeo sono stati accusati di non dover essere loro a dire come un omosessuale dovrebbe sentirsi di fronte ad alcune esternazioni, di fronte all’uso delle parole che potrebbero fare male. I due comici hanno spiegato che non dovrebbero essere le parole a fare male, ma le intenzioni che si hanno usandole. Posizione che non viene per nulla condivisa dal Michele Bravi che, nel corso della sua esibizione sul palco del Concertone, ha detto la sua.

Michele Bravi: “le parole sono importanti tanto quanto l’intenzione”

Le parole del cantante:

Io volevo fare solo una piccolissima riflessione perché in questi giorni si è parlato tantissimo dell’uso delle parole. E qualcuno ha detto che l’intenzione è molto più importante delle parole che si usano. Io una cosa da cantautore la voglio dire: io uso le parole proprio per raccontare la visione creativa del mondo e per me le parole sono importanti tanto quanto l’intenzione

E ancora:

Le parole scrivono la storia, anche quelle più leggere possono avere un peso da sostenere enorme. La mia community lo sa bene. Io c’ho messo tanti anni per trovare le parole giuste per raccontare il mio amore per un ragazzo e per me è un onore farlo adesso qua su questo palco

Michele Bravi non ha citato direttamente Pio e Amedeo ma è chiaro che si stesse riferendo proprio a quanto detto da entrambi nell’ultima puntata di Felicissima sera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.