Gianni Nazzaro prima di morire in ospedale ha sposato la sua Nada

Pochi minuti dopo la notizia della morte di Gianni Nazzaro, il direttore della rivista Nuovo, ha postato sui social una intervista che probabilmente uscirà nel prossimo numero della rivista. L’ultima intervista del cantante prima della sua morte. Il racconto di questi ultimi difficilissimi mesi ma anche la gioia per aver sposato di nuovo la sua Nada. Un matrimonio in ospedale prima di congedarsi da questa terra per Gianni Nazzaro.

Il cantante è morto ieri, all’età di 72 anni in ospedale. Pare che da tempo lottasse contro un brutto male che aveva colpito i suoi polmoni.

Per Gianni Nazzaro e Nada Ovcina il matrimonio in ospedale

Nada Ovcina spiega ai giornalisti che hanno raccolto le ultime parole di suo marito: “Lui e io eravamo divorziati e ogni tanto progettavamo di risposarci“. E ancora: “Quando le sue condizioni si sono irrimediabilmente aggravate, Gianni mi ha chiesto di diventare sua moglie. Un matrimonio in extremis, celebrato alle tre del mattino in una stanza di ospedale. Ma mi ha regalato un attimo di felicità: l’ultimo, purtroppo, che rende il nostro legame eterno e indistruttibile“.

Poi le parole del cantante: “Avrei voluto tornare al Festival di Sanremo, ma sono stato messo da parte a favore di artisti spesso privi di talento“. Gianni Nazzaro inoltre vuole anche raccontare il motivo per il quale ha deciso di rilasciare questa intervista mostrandosi tra l’altro, anche nel suo letto di ospedale. Il cantante racconta: “È per me una prova di coraggio. Da artista voglio uscire di scena nel migliore dei modi. Non voglio essere rimpianto o, peggio, riscoperto: se avevo doti bisognava riconoscermele da vivo“.

Nella sua intervista per la rivista Nuovo, Nazzaro confida anche le sofferenze causate dalla malattia che lo avevano portato a chiedere l’eutanasia che però non è mai arrivata.

L’intervista completa – firmata da Matilde Amorosi – in edicola sul prossimo numero di NUOVO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.