Francesco Facchinetti ricorda Stefano d’Orazio: “Riascolto il tuo timbro e piango come un bimbo”

francesco facchinetti

Un anno fa una notizia che aveva lasciato tutti senza parole. A pochi giorni dalla morte di un grandissimo artista, Gigi Proietti, tra i più grandi in Italia, ci lasciava un altro artista che ha fatto la storia della musica italiana. L’Italia piangeva anche Stefano d’Orazio il batterista ( e paroliere) dei Pooh, uno dei membri dell’amatissima band. Oggi, a un anno di distanza, non poteva mancare il ricordo di chi Stefano lo ha considerato come uno di famiglia, uno zio. Dai social ecco le parole di Francesco Facchinetti, che non può non ricordare lo zio amatissimo. Non c’era un legame di sangue, ma il rapporto costruito in anni di vicinanza, musica e condivisione, è ancora più forte.

Francesco Facchinetti ricorda Stefano d’Orazio un anno dopo la sua morte

Dai social, il figlio di Roby, ricorda il suo amato zio. E scrive: “Ciao zio SDO, eccoci qua. È passato un anno da quel triste giorno in cui dall’alto hanno deciso di portarti via da noi. In questi lunghi 12 mesi ti ho pensato spesso e spesso ho ascoltato la tua voce grazie alle tue canzoni. La musica ha la forza di rendere voi artisti immortali.

E ancora: “Ogni tanto ascolto alcuni brani dei POOH e, quando sento il tuo timbro inconfondibile, inizio a piangere come un bimbo.

Fa davvero ancora tanto male, il vuoto lasciato è grandissimo: “Mi piace ascoltarti mentre sono in macchina da solo girovagando per i luoghi dove sono cresciuto. Ascolto BUONA FORTUNA a palla e canto come un pazzo. Mi piace di brutto la versione LIVE che si trova dentro “PALASPORT”, quando parte e si sente la gente gridare mi sembra di essere in mezzo ad un vostro concerto. Chi ha avuto la fortuna di vedervi LIVE sa che un concerto dei POOH è una avventura unica, quasi MISTICA. Zio SDO ci manchi tanto, soprattuto a papà. Proteggici dall’alto, ti voglio bene, PER SEMPRE.Francesco.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.