House Of Hammer la docu serie che va oltre la storia personale di Armie Hammer

Su Discovery Plus la docu serie House of Hammer: la recensione
docu serie house of hammer

In una sola notte, l‘attore Armie Hammer è passato dall’essere idolo di milioni di fan in America e in tutto il mondo ( in Italia è molto noto per la sua partecipazione al film Chiamami con il tuo nome di Guadagnino) a essere un vero e proprio mostro. Su di lui, in pochi giorni, si sono riversate le accuse di molte ex e amanti, che hanno pubblicato in rete i messaggi che l’attore inviava. Messaggi che andavano bel oltre le richieste di pratiche di “schiavismo sessuale” o pratiche sadomaso. Messaggi intrisi di violenza e di azioni ai limiti del reato. E poi, in poco tempo, anche le testimonianze dirette, di chi non ha usato solo un account social per puntare il dito ma ci ha messo la faccia. Una attrice che ha denunciato Armie per stupro. Tutto questo ma non solo è raccontato in House Of Hammer, la docu-serie disponibile in Italia in streaming su Discovery Plus. Una serie che racconta nel primo episodio, una storia apparentemente d’amore, che in poco tempo, si è trasformata in altro e che prosegue poi, alla scoperta dei segreti di una delle famiglie più ricche e potenti degli stati Uniti, la famiglia Hammer. Di una cosa è convinta Casey Hammer, la zia di Armie, che ancora prima di tutto lo scandalo che lo ha riguardato aveva pubblicato un audio libro denuncia, parlando della pazzia dei suoi parenti, l’origine del male, è altrove. Se oggi Armie è quello che è, è perchè in famiglia, da sempre, sono accadute cose che l’hanno spinta, diversi anni prima, a slegarsi dagli Hammer e a raccontare tutto. Nessuno però aveva a quanto pare fatto caso ai racconti di Casey che invece, dal gennaio 2021, sono un punto di riferimento per chi vuole approfondire questa vicenda. Una vicenda nella quale l’attore Armie Hammer non ha voluto essere coinvolto, rifiutando di fornire la sua versione dei fatti e negando quindi una intervista.

Se pensate che le accuse di cannibalismo, siano le più gravi rivolte a Armie Hammer, sbagliate ( anche se negli Stati Uniti come in Italia, se n’è parlato moltissimo, più dei veri e propri abusi denunciati dalle ex). E in questo documentario, messaggi delle sue ex alla mano, sarà dimostrato come l’attore, sia molte volte andato oltre ogni limite. In Italia, mesi fa, quando si diffusero le notizie riguardanti l’attore di The Social Network e Chiamami con il tuo nome, si parlò molto di questo aspetto, delle sue abitudini. Virale sui social il messaggio in cui Armie scriveva che aveva ucciso un cervo e mangiato il suo cuore mentre era ancora caldo, e che avrebbe fatto lo stesso con il cuore di quella che era la sua fidanzata all’epoca, se questo non le fosse costato la vita, e quindi l’avrebbe persa. Guardando House Of Hammer, si comprenderà da subito che questo è solo il motivo che ha reso in qualche modo, “diversa” la storia di Hammer, da quella di altri predatori sessuali, visto che si è molto parlato di pratiche sadiche e simili ma soprattutto del cannibalismo, spostando il focus dal punto principale. Abusi, manipolazioni, violenze: sceglieva le sue vittime, si approfittava di loro e arrivava a fare molto male a tutte. E’ questo che raccontano le donne che nel documentario ci mettono la faccia, e avvalorano la loro testimonianza con messaggi, foto e video.

Quello su cui tra l’altro la serie torna in più occasioni, e che sembra anche paradossale ma che 50 sfumature di grigio aveva raccontato a milioni di lettori e lettrici in tutto il mondo, è che prima di ogni cosa, prima di ogni pratica, prima di ogni rapporto, c’è bisogno di un consenso. Il consenso che mai nessuna delle ex di Hammer, dice di aver dato. Una parola di sicurezza che mai viene identificata o scelta. Perchè le donne di Hammer, rivelano, non hanno mai avuto scelta. Penso che l’obiettivo della serie sia quello di informare gli individui sui segnali di pericolo, ha dichiarato Hakami uno dei registi della serie.

Jason Sarlanis, presidente dei contenuti polizieschi e investigativi di Warner Bros. Discovery ha poi aggiunto: “Non siamo qui per emettere un giudizio legale, piuttosto pensiamo che questo debba essere mostrato al pubblico, e credo che il pubblico deciderà se questo tipo di comportamento è accettabile in qualsiasi forma.” Perchè ogni uomo, può sembrare quel principe azzurro che ti sta per regalare una favola, favola che in poco tempo, si trasforma in un incubo. Da non sottovalutare anche la variante pandemia: Armie, avrebbe approfittato del tempo a disposizione che molte delle donne con cui è entrato in contatto avevano. Poco lavoro, poca vita sociale e tante ore da passare in casa. Ore che passavano al telefono con lui, che, come succede in tutti i rapporti tossici ha sempre iniziato con l’esplosione d’amore, il love bombing che caratterizzano sempre, ogni inizio di relazione tossica. Complimenti, rivelazioni, confidenze, attenzioni, tempo a disposizione, altissima considerazione della persona che ti sta accanto. Ma spesso, solo una tattica infarcita di bugie.

 Va detto e ribadito che penalmente, al momento, non ci sono state conseguenze per l’attore. Armie Hammer, ha sempre negato tutte le accuse attraverso il suo avvocato sostenendo che tutte le interazioni con i partner sessuali erano consensuali. “Penso che se si guarda House of Hammer, sarà altamente insostenibile adottare questa linea, sottolinea Hobbs l’altro regista della serie. Lo chiamerei il vecchio stile di ‘incolpare la vittima‘”.

Nei tre episodi della serie, si scoprirà che la famiglia Hammer ( che più volte nel documentario viene mostrata mentre partecipa a incontri con politici o regnanti, non mancano i video con il nonno al fianco della principessa Diana e sono inquietanti le immagini con il principe Andrea che rimandano e pensieri disturbanti) non è nuova ad accuse simili.  Armand, il nonno Julian e suo padre Michael sono stati coinvolti, chi più chi meno, in un turbine oscuro legato all’utilizzo di armi da fuoco e, soprattutto, a una ripetuta violenza contro le donne, viste e trattate al pari di oggetti e non di esseri umani. La zia di Armie racconta di armi in casa, sempre cariche e sempre pronte a essere puntate contro le donne. Di sangue, di violenza. Una vita che era molto lontana da quello che si raccontava sui giornali e sulle riviste patinate. Casey trova il coraggio di raccontare anche della sua vicenda personale, degli abusi da lei subiti da parte del padre e spiega che non si è stupita di leggere, tutto quello che le ex di Armie, avevano raccontato sul suo conto. Secondo il giornalista Edward Epstein, Armand era «un maestro della guerra psicologica», un uomo senza scrupoli che avrebbe fatto qualsiasi cosa pur di salvaguardare il suo patrimonio e il suo buon nome. Una tattica, questa che a detta degli esperti, anche Armie avrebbe saputo usare e che avrebbe usato con le sue vittime.

E’ chiaro che tutta la vicenda, se sarà necessario, sarà discussa nelle sedi opportune ma è anche evidente, che la vita dell’attore, da gennaio 2021 non è più la stessa. Armie Hammer non ha potuto fare altro che accettare l’esclusione da Hollywood e, come ha raccontato sua moglie, che si è schierata sin da subito al suo fianco ( ex moglie) ha cominciato a combattere contro i suoi demoni personali in una clinica riabilitativa in Florida. Demoni personali che vengono identificati in alcol e droga, non si parla di altro.

Qualche settimana fa era circolata una notizia, poi smentita, che voleva l’attore impiegato in un Hotel di lusso, come concierge. In realtà, sembrerebbe che oggi, Armie Hammer stia lavorando come venditore di multiproprietà al Morrit’s Resort, l’albergo di lusso delle Cayman ( le stesse isole dove aveva vissuto con la sua famiglia fino ai suoi 12 anni). Variety ha poi pubblicato anche un’altra indiscrezione: “Sta lavorando nel resort e vende multiproprietà. Lavora in un cubicolo. La verità è che Armie Hammer è totalmente al verde e sta cercando di riempire le sue giornate e nel frattempo guadagnare soldi per supportare la sua famiglia.”

Dove vedere House Of Hammer

In Italia è possibile vedere House of Hammer ( disponibile dal 2 settembre 2022) su Discovery Plus, piattaforma streaming a pagamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.