Bambine scomparse, Alessia e Livia dove sono?


Continuano le ricerche e gli appelli per le bambine scomparse. Stiamo parlando di Alessia e Livia due piccole gemelle di 6 anni. Le bambine vivevano in Svizzera con papà e mamma fino a quando, dopo un brutto litigio, l’uomo le ha portate via lasciando la loro mamma disperata. Come sappiamo l’uom purtroppo è morto. Si sarebbe suicidato buttandosi sotto un treno nella stazione di Cerignola. Delle bimbe però non ci sarebbe più nessuna traccia. L’ultima volta erano state viste in Francia. Ovviamente tutte le ricerche adesso si concentrano su di loro e si cerca di dare risposta alla più semplice ma difficile delle domande: dove sono Alessia e Livia?

Come vi abbiamo già detto ieri è stata creata una pagina facebook e se avete informazioni postate tutto in modo che la polizia possa continuare le ricerche. Intanto proseguono gli appelli della mamma che è covinta che le due bambine siano ancora vive. Sulla pagina di Facebook leggiamo che la mamma nutre ancora la speranza di poter riabbracciare le sue bambine. Sente che sono vive e non vede l’ora che ritornino a casa. Inoltre si invitano tutti quelli che pensano d aver visto qualcosa, anche il più piccolo dettaglio, a dare il loro contributo in quest difficili ricerche. Anche noi lo facciamo continuando a parlare di queste due bellissime bambine scomparse di cui purtroppo non si sa più nulla.

Alleghiamo anche un video con qualche dettaglio in più:


Filomena Procopio


Leggi altri articoli di News e Cronaca

1 commento per “Bambine scomparse, Alessia e Livia dove sono?”

  1. 5 Febbraio 2011

    […] cercano ancora le bambine scomparse Alessia e Livia. Non sono state ritrovate loro tracce a Cerignola, in provincia di Foggia. Il loro papà si sarebbe […]

    Commenta l'articolo


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Riscontrata interferenza con Ad Blocker

    Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

    Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

    Grazie per il supporto, buona lettura!

    Close