Milano taxista morto, parte il processo


Flash news- E’ una notizia di poche ore fa quella che riguarda l’epilogo della vicenda di un taxista milanese, Luca Massari, picchiato brutalmente per aver investito un cane e morto dopo un mese di agonia in seguito alle ferite riportate. Il Pm di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio dei tre protagonisti del pestaggio accusandoli di omicidio volontario aggravato da crudeltà e futili motivi. Il taxista, ricordiamo, in maneria del tutto involontaria aveva investito, uccidendolo, un piccolo coker tra l’altro tenuto senza guinzaglio. Sceso dalla macchina per controllare, fu assalito in un primo momento da Michael Ciavarella, 31 anni, seguito poi da Piero e Stefania Citterio rispettivamente 26 e 28 anni.  

Davanti agli occhi di alcuni testimoni, Massari fu letteralmente preso a calci, pugni e schiaffi da Michael Ciavarella e Piero Citterio, mentre Stefania li incitava a continuare. A seguito del pestaggio la vittima finì in coma in ospedale e dopo un mese di agonia morì. Ciavarella fu subito arrestato mentre per gli altri due si è parlò di fermo solo pochi giorni dopo con l’accusa di concorso morale e materiale in tentato omicidio aggravato dai futili motivi. Oggi si da il via al processo nella speranza che si possa rendere giustizia a Massari.

Giselda Cianciola


Leggi altri articoli di News e Cronaca

1 commento per “Milano taxista morto, parte il processo”

  1. 29 Marzo 2011

    […] Milano taxista morto, parte il processo […]

    Commenta l'articolo


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Riscontrata interferenza con Ad Blocker

    Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

    Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

    Grazie per il supporto, buona lettura!

    Close