Gemelline scomparse, Katia Iritano trovata morta


Flash news– L’avevano associata al rapimento delle gemelline scomparse Alessia  e Livia. Katia Iritano è stata ritrovata morta.  La ragazza era scomparsa il 25 gennaio e qualcuno aveva pensato che lei potesse avere qualcosa a che fare con Mathias Schepp. Era stata considerata una vera e propria donna del mistero ma sin da subito i suoi genitori avevano spiegato che lei non poteva avere nulla a che fare con il rapimento delle due gemelline Alessia e Livia.

Il corpo  di Katia Iritano è stato trovato nella regione di Rossinière, in Svizzera. La polizia lo ha trovato in  fondo a un burrone a pochi chilometri da Montbovon, luogo in cui la ragazza  abitava. Insieme al cadavere è stata trovata anche una  borsetta


Secondo le prime indiscrezioni la donna sarebbe morta a causa di un incidente. Ma è ancora presto per sapere quello che realmente è successo a Katia. Bisognerà come sempre aspettare. E intanto si spegne una nuova speranza per la mamma delle gemelline che magari sperava potesse essere davvero lei la donna che aveve preso in custodia le suo due bambine.


Leggi altri articoli di News e Cronaca

2 commenti su “Gemelline scomparse, Katia Iritano trovata morta”

  1. rosi
    31 Marzo 2011

    Mi dispiace molto per questa giovane.
    Mi sono chiesta – questa donna non aveva con se il cellulare? e se fosse stata vittima di qualcuno? gli investigatori sembra che con le cellule telefoniche riescano a capire tragitti e posizioni delle persone,possibile che questa ragazza si sia allontanata senza il telefonino, oppure gli è stato portato via?

    • Lorenza
      22 Aprile 2011

      In effetti è strano non avesse cellulari con sè. Che sia stata spinta?

    Commenta l'articolo


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Riscontrata interferenza con Ad Blocker

    Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

    Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

    Grazie per il supporto, buona lettura!

    Close