Cosenza, giovane disabile abusato e seviziato


A Cosenza stamattina sono state  arrestate 13 persone con l’accusa di violenza sessuale aggravata e continuata. Le indagini svolte dai carbinieri erano cominciate a novembre dell’anno scorso ed erano volte ad individuare i responsabili delle violenze ai danni di un giovane disabile con evidenti ritardi mentali.

Secondo gli inquirenti alcuni degli arrestati avrebbero anche sottoposto la vittima a sevizie.

I 13 uomini arrestati sono tutti cosentini e hanno un’età compresa tra i 35 e i 70 anni, alcuni già noti alle forze dell’ordine perché pregiudicati.

L’operazione è stata denominata “Orchi” ed è iniziata sei mesi fa grazie a voci confidenziali raccolte dagli uomini dell’arma. All’inizio la vittima non era in grado di distinguere la differenza tra l’amicizia delle persone che conosceva e il terribile “gioco” che stava subendo, in seguito, con il trascorrere del tempo ha capito che gli veniva fatto del male, gli investigatori sono riusciti a creare un rapporto di fiducia con la vittima, arrivando così a risalire ai presunti autori delle violenze, alcuni dei quali sposati, ed ai luoghi in cui avvenivano gli abusi. Dalle indagini è emerso che alcuni degli arrestati conoscevano la vittima da anni ed avrebbero iniziato ad abusarne nel 2003, e le violenze sarebbero andate avanti per oltre 8 anni. Altri indagati, invece, sarebbero venuti in contatto con il giovane disabile circa tre anni fa, dopo che il giro di persone che sottoponeva il giovane ad abusi e sevizie, si era allargato attraverso una sorta di passa parola. A sei arrestati viene contestata anche l’accusa di violenza sessuale di gruppo.

Giusy Cerminara


  • Tag

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close