Insulti su facebook, si picchiano nella vita reale


Un ragazzino è stato aggredito da alcuni suoi coetanei dopo alcuni insulti scambiati sul social network più popolare in Italia, Facebook. E’ successo a Sesto Fiorentino, in provincia di Firenze. I ragazzi coinvolti nella vicenda sono tutti minorenni. Pare che uno di loro, quello che è stato aggredito dai tre, avesse insultato, tramite Facebook i suoi coetanei e non solo, anche i loro rispettivi genitori. Ecco allora che dal mondo virtuale si è passati alla vita reale. I tre ragazzini offesi hanno deciso di vendicarsi, ma non scrivendo sulla bacheca: hanno preferito malmenarlo, per assicurarsi di fargli male davvero.

I quattro ragazzi coinvolti nella storia, si conoscevano molto bene, ed erano anche stati compagni di scuola. Erano tutti e quattro amici su Facebook – “amici” si fa per dire, è solo il modo in cui si permette ad un altro utente di interagire con se stessi, accettando o richiedendo la sua amicizia appunto – e quindi le offese e gli insulti erano li, davanti agli occhi di tutti: uno scriveva sulla bacheca degli altri, e viceversa.

Dunque i tre ragazzi stufi degli insulti hanno pensato bene di trasformare tutto nella realtà: hanno intercettato il ragazzino che si trovava in giro, a Sesto Fiorentino, in compagnia di un’amica e lo hanno aggredito, malmenandolo con calci e pugni.

I tre aggressori poi sono stati fermati dai Carabinieri della compagnia di Sesto Fiorentino e della compagnia di Signa e denunciati a piede libero per lesioni personali in concorso.

Il ragazzino aggredito invece ha riportato un trauma cranico non commotivo e varie contusioni.

Sm

Sono scattate le indagini che grazie alle testimonianze raccolte hanno portato alla denuncia dei tre minorenni.


Leggi altri articoli di News e Cronaca

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close