Melania Rea ultime notizie, delitto avvenuto in pochi minuti

La seconda autopsia sul corpo di Carmela Melania Rea ha fatto emergere nuovi e fondamentali dati sulle modalità con cui è avvenuto il delitto della ventinovenne. Pare che Melania sia morta in pochi minuti, a seguito di una rapida colluttazione, nel Bosco delle Casermette, a Ripe di Civitella (Teramo). La nuova autopsia è stata effettuata dal professor Adriano Tagliabracci, ed era finalizzata all’ottenimento di elementi più dettagliati sulla morte di Melania Rea.

Pare che Melania non sia stata tramortita da chi l’ha uccisa. Resta però ancora difficile definire in maniera precisa l’ora della morte della giovane donna. Rimane comunque valida la tesi che colloca il decesso nella fascia oraria che va dalle 14,00 alle 17,00 dello scorso 18 aprile, giorno della scomparsa di Melania Rea dal Colle San Marco. Difficile è anche definire quanto tempo dopo la sua morte le siano state inferte le ulteriori coltellate, le quali farebbero pensare ad un delitto passionale.

Non si sa neanche se Melania abbia avuto l’opportunità di difendersi, o se invece, data la brevità dell’aggressione, non ne abbia avuto il tempo. La relazione di questa autopsia e di quella precedente effettuata il 21 aprile scorso, sarà depositata nel giro di un mese da Tagliabracci.

Intanto il corpo di Melania Rea potrà finalmente essere sepolto degnamente. I funerali si terranno nella giornata di domani, alle ore 15,00, nella chiesa del paese natale della donna, Somma Vesuviana. Ma non verrà proclamato il lutto cittadino, in quanto secondo il sindaco Raffaele Allocca, non ce ne sono i presupposti. Ma il sindaco ha comunque esternato la volontà di partecipare alla fiaccolata organizzata dalle persone vicine a Melania, ed ha dichiarato di essere vicino alla sua famiglia.

Intanto le indagini proseguono, e sembrano esserci abbastanza elementi per delineare un quadro più chiaro della situazione. La speranza è che questa giovane mamma abbia finalmente la giustizia che merita.

A.D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.