Sarah Scazzi ultime notizie, Michele Misseri torna a casa

 

Si torna ancora una volta a parlare del caso della piccola Sarah Scazzi. Le ultime notizie riguardano Michele Misseri che ieri, dopo esser stato scarcerato, ha avuto un malore ed è stato portato in ospedale. Sappiamo che da qualche minuto è invece tornato a casa e sembra stare meglio. Sono ancora imprecisate le dinamiche del ricovero in quanto ieri l’uomo si trovava in casa con sua figlia Valentina ma non è stata lei a chiamare il 118. La telefonata secondo le indiscrezioni sarebbe stata fatta dal sindaco di Avetrana ma non sono arrivate nè conferme nè smentite in proposito. Quello che possiamo dire di certo è che Michele  è stato poco bene e che ha ricominciato a parlare con i giornalisti.

Michele Misseri è tornato a casa. Adesso è libero ma in questa libertà c’è qualcosa che lo turba. In effetti è passato dall’esssere l’orco, lo schifoso a essere il marito della strega cattiva. Una posizione un pò diversa da quelal di partenza. Lui però continua a dichiararsi colpevole restando sulla line delle sue ultime dichiarazioni. Dice di esser stato lui a uccidere Sarah sfogandosi con i giornalisti. Ma nessuno sembra più voler credere alla sua versione dei fatti. E’ inutile negarlo perchè l’opionione pubblica ha già dato un volto ai colpevoli, i presunti colpevoli, in questa storia. Sono Sabrina Misseri e Cosima Misseri le assassine della piccola Sarah: questo è quello che pensa la gente, la stessa gente che la sera dell’arresto della moglie di Michele si è ritrovata fuori dal carcere di Avetrana ad applaudire e a insultare la donna.

Ennesima pagina scritta in quello che da molti è stato definito un giallo familiare. Tutti colpevoli e nessuno innocente perchè in ogni modo tutti sapevano quello che era accaduto in quella cosa. Cosa ancora di preciso non lo sappiamo neppure noi e forse, almeno Concetta la mamma della piccola Sarah, lo vorrebbe sapere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.