Melania Rea, “Salvatore Parolisi parli”: questo l’appello di Gennaro

Nella puntata di Chi l’ha visto andata in onda ieri si è cercato di capire, analizzando le ultime notizie sul caso di Melania Rea, quelli che potrebbero essere gli elementi che hanno portato gli inquirenti a far indagare Salvatore Parolisi. Collegati da Somma Vesuviana con lo studio, c’erano anche i parenti di Melania: papà Gennaro, Michele e zio Gennaro. Quest’ultimo tra i vari appelli che ha fatto ha deciso di rivolgersi con uno, direttamente a Salvatore. Ha chiesto all’uomo al quale è stato sempre vicino in questi giorni di dire tutta la verità venerdì quando sarà interrogato. Ha chiesto di farlo per Melania e soprattutto per la piccola Vittoria. Lo zio spera che gli avvocati di Parolisi non gli abbiano suggerito di avvalersi della facoltà di non rispondere.Dalle parole dello zio di Melania, rivolte a Salvatore, ci sembra di leggere un qualcosa tra le righe, ma potremmo sbagliarci in quanto di tratta solo di un’impressione personale. Sembra che Gennaro sia convinto che Salvatore sia coinvolto in questa storia ma non in modo diretto. Sa qualcosa ma sta difendeno qualcuno o qualcosa o nascondendo un segreto più grande di lui. Potrebbe essere così? Di supposizioni in questi giorni fin troppe ne sono state fatte ma sembra che questo mistero sia destinato a durare ancora a meno che qualcuno non tiri fuori la verità.

Sembra però del tutto evidente che quel giorno di Aprile, il 29, Melania a Colle San Marco non c’è mai andata e forse Salvatore è stato li solo per pochi minuti ma in secondo tempo, non nell’ora in cui aveva detto di trovarsi li. A dimostrare questa tesi ci sarebbero anche delle foto scattate da un’intera classe di ragazzi che si trovava a Colle San Marco in mattinata e ci è rimasta poi anche dopo le 16,00. In queste foto si vedono molto bene le altalene ma mai compaiono Melania, Vittoria e Salvatore.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.