Centovetrine anticipazioni puntata di oggi, il ritorno di Zeno

Eccoci qui con le nostre anticipazioni della puntata di oggi di Centovetrine. Cosa succederà nella soap oggi 14 luglio 2011? Lo abbiamo già intuito ieri: Zeno Bauer è uscito dal carcere e sta per tornare a tutti gli effetti uno dei nuovi protagonisti di questa estate torinese. Vorrà ancora riprendersi Cecilia? Di sicuro non si terrà fuori da guai anzi…Ma oggi sarà anche il giorno del dolore per la morte di Rossana. Niccolò sempre più disperato si sente in colpa per la morte della madre che stava cercando di dimostrare la sua innocenza, ma anche Sebastian sa che in fondo la colpa è un pò anche sua. Ettore vuole capire cosa è successo e Laura ha giurato che farà di tutto per liberare Niccolò. Vediamo le anticipazioni.

 

Centovetrine anticipazioni ( trama puntata di oggi )

Niccoò può uscire dal carcere grazie a un permesso straordinario solo per partecipare al funerale di sua madre. Tutti piangono la morte di Rossana. Cecilia è disperata. Sebastian  giura sulla sua tomba che troverà l’assassino e metterà la parola fine a questa storia. Nel frattempo però Valentino è libero mentre l’unico a essere accusato di omicidio resta Niccolò.

Jacopo è in attesa di sapere quali saranno le prossime mosse di Donatella. Dopo il fallimento del piano che vedeva Livia protagonista bisogna agire in modo diverso. Qualcosa ci dice che in questa seconda fasa rivedremo Alessia, voi cosa ne pensate?

Zeno ritorna a Torino da uomo libero. Ha un lavoro, qualcosa che fa per lui. Lavorerà nella palestra di Maya ed è inutile dire che molto presto conoscerà anche Viola. Guai in vista per entrambi visto che la palestra in realtà è solo una copertura per affari illeciti.

Centovetrine vi aspetta oggi alle 14,10.

 

One response to “Centovetrine anticipazioni puntata di oggi, il ritorno di Zeno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.