Bambino scomparso ad Ascoli, forse seppellito vivo

Che fine ha fatto Jason, il bambino di soli due mesi scomparso da Folignano, in provincia di Ascoli Piceno? La storia è davvero un giallo. I genitori hanno detto inizialmente di averlo nascosto, per evitare che li fosse portato via come già hanno fatto con altri due bambini, figli loro. Dopo un po’ la madre ha dichiarato che Jason è morto, è caduto dalle sue braccia accidentalmente e che l’ha seppellito vivo. Avrebbe fatto tutto da sola. Ma agli occhi degli inquirenti le dichiarazioni della donna, Katia Reginella, 24 anni, non reggono: il ritrovamento di una lettera della donna, in cui parlava di suicidio, ha fatto subito pensare a un modo per depistare le indagini. Poi è arrivata un’intercettazione ambientale tra i due genitori del piccolo: stavano pianificando una fuga in Svizzera. Oggi l’ipotesi shock: Jason è stato forse seppellito vivo.Il padre (non biologico) del bambino, Denny Pruscino, dovrebbe partecipare oggi al sopralluogo dei Ris nell’ appartamento a Piane di Morro dove abita con la moglie. I carabinieri delle investigazioni scientifiche dovranno ricercare con il Luminol eventuali tracce ematiche laddove la Reginella sostiene che il piccolo è caduto, battendo la testa. Il marito della giovane donna ha sempre affermato invece che Jason è vivo e che si trova all’estero, affidato a terze persone. Per questo motivo oggi sarà ascoltato dagli inquirenti. Le indagini sono coordinate dal comandante provinciale dei carabinieri di Ascoli col. Alessandro Patrizio, lo stesso che si sta occupando del caso Melania Rea, nonostante gli atti dell’inchiesta siano passati a Teramo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.