Costa Concordia dispersi, appello disperato per Maria Grazia Trecarichi

Non si da pace Elio Vincenzi, marito di Maria Grazia Trecarichi, la donna che attualmente risulta nella lista dei dispersi dopo il naufragio della Costa Concordia. Il signor Elio grida il suo bisogno di conoscere la verità perché al principio gli avevano più volte confermato che la moglie era stata censita e che dunque il suo nome era nella lista dei superstiti. Cosa è accaduto a Maria Grazia Trecarichi e alla su amica Luisa Virzì? Entrambe sono di Enna, la città dove i loro cari aspettano, appesi ad un filo di speranza, di riabbracciarle. La signora Maria Grazia appena ha capito che sulla nave da crociera Costa Concordia stava accadendo qualcosa di tragico aveva cercato di mettersi in contatto con il marito, ma lui aveva dimenticato il telefonino. La donna aveva allora chiamato un amico di famiglia e mentre gli spiegava la situazione lui ha udito Luisa gridare “Stiamo scivolando in mare”, poi un tonfo e il cellulare che non dava più segnali, come se l’acqua l’avesse inghiottito.
Elio non si da pace perché in decine di telefonate ha avuto la conferma che sua moglie era stata censita.
Questa mattina nel corso della trasmissione Mattino Cinque ha urlato al telefono la sua disperazione, scusandosi per quello sfogo del tutto comprensibile. Una angoscia che poteva essere evitata se solo l’evacuazione dei passeggeri fosse iniziata nel tempo giusto e non dopo più di 1 ora di inutile attesa.
Elio Vincenzi attende una risposta certa, vuole saper se sua moglie è da cercare a terra o se il mare le ha tolto la vita. Ha confidato che non è ancora riuscito ad incontrare sua figlia, che non sa se riuscirà mai a guardarla e dirle che la sua mamma non tornerà mai più. Anche la figlia Stefania con il suo fidanzato erano a bordo della Concordia quella sera, la loro fortuna è stata quella di imbarcarsi in una scialuppa prima delle due donne disperse. Un errore, troppi errori che stanno lacerando la vita di tante persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.