Cani randagi sbranano due persone in pochi giorni

I cani sono animali intelligenti e sensibili, alcuni cani randagi sono capaci invece di una ferocia capace di uccidere. Le due ultime vittime uccise da gruppi diversi di randagi fanno riemergere il terrore per un pericolo possibile per tutti.

Recentissima la morte del camionista di Livorno che lo scorso lunedì non ha avuto possibilità di scampo all’attacco di 8 cani. L’uomo di 50 anni si trovava nel piazzale della ditta di autotrasporti a Biscottino, nel comune di Collesalvetti, quando è stato aggredito e ucciso. Il suo corpo è stato trovato a distanza di ore da una donna che si era recata sul posto per le pulizie giornaliere. Il branco di cani è stato poi trovato anche grazie all’aiuto di una donna che vive in una roulotte parcheggiata nel piazzale dove è avvenuta la tragedia, era lei che spesso dava da mangiare ai cani. La donna è attualmente tra gli indagati per omicidio colposo.

E’ ancora più recente la notizia di un anziano ucciso ieri da un altro branco di randagi nella periferia di Milano. La vittima questa volta sembrava avere avuto la fortuna di essere salvato da un contadino che a bastonate e con coraggio era riuscito a scacciare via i cani, ma questa notte Gaetano G. è morto all’ospedale San Raffaele rendendo vani tutti i tentativi di salvarlo. I morsi subiti, le condizioni generali di salute dell’uomo e lo spavento sono stati letali. Purtroppo in questo caso è stato al momento catturato solo uno dei cani.

Si è innescato così un clima di paura e non mancano le polemiche su uno scarso controllo al riguardo. Un cane aggressivo genera molta paura, un gruppo di randagi capaci di uccidere non è neanche immaginabile.

Oltre a controlli maggiori c’è la necessità di porre in essere sanzioni dure per  i proprietari che non custodiscono in maniera adeguata i propri animali, soprattutto se aggressivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.