La storia di Mattia, stroncato da una meningite a soli quattro anni

Oggi vi raccontiamo una storia tristissima, accaduta vicino Venezia, nel comune di San Stino. Una storia che vede la morte di un piccolo che fino a poco prima godeva di ottima salute: si chiamava Mattia Perinel, aveva soli quattro anni. E in quattro giorni se n’è andato, lasciando i familiari nella disperazione. Ma andiamo con ordine e vediamo cosa è successo: Mattia, il bimbo di tre anni e otto mesi, si sarebbe svegliato quattro giorni fa, con la febbre molto alta, come scrive il quotidiano il Gazzettino. I genitori del piccolo avevano notato con preoccupazione, anche un irrigidimento, innaturale, del collo del bimbo. Non hanno perso tempo e hanno deciso di portarlo subito in ospedale, a San Donà di Piave. I medici  sandonatesi lo hanno trattenuto un giorno in osservazione per poi trasferirlo, sedato, a Padova in elicottero. La diagnosi era chiara: il bimbo aveva contratto la meningite da pneumococco.Tutte le cure che hanno cercato di somministrare al piccolo Mattia i medici si sono rivelate inutili. Così come inutili sono stati tutti gli sforzi profusi dai medici, per salvare il bimbo. Nel giro di soli 4 giorni, la meningite fulminante, ha strappato la vita a Mattia. Il bimbo è morto ieri, mentre mamma e papà erano al suo capezzale nel reparto Pediatrico dell’ospedale di Padova. Mattia era un bimbo normale, un bimbo vivace come lo sono tutti i bimbi della sua età. Inoltre, aveva appena iniziato a conoscere i suoi nuovi amici nell’asilo di San Giorgio di Livenza e che non potrà più incontrare. Il dolore dei genitori è immenso, la sorellina, una bimba di soli 2 anni, Giulia, aspettava a casa Mattia, e invece non lo rivedrà mai più. Sono tutti sotto choc: «È difficile credere che il male possa colpire un bimbo di tre anni – ha detto un cugino del papà di Mattia – Abbiamo saputo la terribile notizia nel pomeriggio. C’è caduto il mondo addosso, ma ora siamo vicini a Manuela e Luciano e alla loro piccola».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.