La Spezia: bimba di tre anni dimenticata sullo scuolabus

Continuano ancora gli episodi che vede coinvolti minori, vittime delle dimenticanze degli adulti. Una bimba di 3 anni è stata dimenticata per quattro ore sullo scuolabus. E’ successo ieri a Lerici. La notizia è stata riportata questa mattina anche dall’edizione spezzina del Secolo XIX. Pare che i genitori della piccola l’avrebbero accompagnata alla fermata dell’autobus, ma lei, però, non è mai arrivata all’asilo. La bimba di tre anni è stata ritrovata dall’autista dello scuolabus dopo circa quattro ore, ma su un altro pulmino che stava aspettando l’uscita da scuola dei ragazzi delle medie.

La bimba, era salita sul mezzo in piazza Baccigalupi diretto all’asilo. Era stata affidata a un’accompagnatrice. Quando poi il pulmino si sarebbe fermato per il “cambio” del mezzo, la piccola è stata affidata a un’altra accompagnatrice. Per fortuna, l’autista, verso le 13,00, si è accorto della presenza della bimba sui sedili in fondo. L’autista non ha perso tempo ad avvertire chi di dovere e l’avrebbe subito consegnata alla polizia municipale. Quest’ultima, a sua volta, ha contattato il tribunale dei Minori di Genova, e la piccola è stata portata all’ospedale della Spezia. Una volta all’ospedale la bimba di 3 anni è stata sottoposta a una serie di controlli medici per verificare la sua incolumità, e accertare l’assenza di lesioni. Fortunatamente la bimba stava bene, ma era solo un po’ spaventata. La bimba, infatti, era in lacrime quando è stata poi riconsegnata ai genitori.

I genitori sono esclusi da qualsiasi responsabilità, dal momento che la piccola era sotto l’affidamento di un’accompagnatrice che avrebbe dovuto condurla a scuola. La Procura del posto sta indagando sulla dinamica dei fatti, per cercare di chiarire meglio la vicenda, al fine di verificare eventuali colpe. Purtroppo, spesso, dagli errori passati non si impara. Non è certo la prima volta che ci troviamo ad ascoltare storie in cui bambini vengono dimenticati sullo scuolabus. A volte, tra l’altro, conclusesi con la morte dei bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.