Paura sul volo Ryanair: il motore si spegne all’improvviso

Attimi di paura questa mattina per i passeggeri di un volo partito da Cagliari e diretto a Treviso. Uno dei motori dell’aereo della compagnia Ryanair si è spento poco dopo il decollo e ha costretto il pilota a invertire la rotta e fare ritorno all’aeroporto di Elmas, tra il panico generale dei 141 passeggeri a bordo e dei sei membri dell’equipaggio presenti. Il volo era partito poco prima delle 7 e pochi minuti dopo la partenza, mentre si trovava a sorvolare Capo Carbonara, si è evidenziato il problema a uno dei motori che non ha permesso la prosecuzione del volo. Ad attendere l’aereo sulla pista dell’aeroporto sardo c’erano i vigili del fuoco, la Polaria, alcune ambulanze e il personale della Sogaer pronti a intervenire in caso di pericolo. L’emergenza è durata per circa 35 minuti provocando anche il ritardo di molti altri voli in partenza dallo scalo di Elmas. Si stanno ancora effettuando gli accertamenti e la perizia sull’aeromobile, ma secondo le prime indiscrezioni sembrerebbe che uno dei motori si sia spento durante il volo, oppure che una delle spie del pannello di controllo si sia accesa segnalando un inconveniente al motore stesso. Ovviamente, come da protocollo, il pilota ha segnalato il problema alla torre di controllo dell’aeroporto di partenza prima di effettuare una virata che riportasse l’aereo a terra. La macchina dell’emergenza si è subito avviata per scongiurare qualsiasi tipo di problema durante e dopo l’atterraggio, mobilitando anche la Guardia costiera, pronta a intervenire in caso di emergenza.
Fortunatamente la procedura di rientro è stata effettuata senza nessun altro problema e l’aereo è atterrato regolarmente. I rilievi del caso accerteranno se si sarà trattato di un danno strutturale o di un malfunzionamento e se ci siano responsabilità da parte di chi doveva fare manutenzione. Solo paura e forte disagio, dunque, per i 141 passeggeri, che hanno passato una mattinata da brividi.
Fine della conversazione in chat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.