Lecce: operaio muore schiacciato dal braccio meccanico della gru

Si è spezzato il braccio meccanico della gru e un operaio 47enne è morto schiacciato. Un altro operaio morto in un incidente sul lavoro. Questa volta la tragedia è accaduta in provincia di Lecce. Un operaio, Piero Miccoli, di 47 anni, è morto nel cantiere in cui lavorava. L’uomo è stato colpito dal braccio di una gru che si è spezzato mentre stava lavorando. La morte di Piero Miccoli resta avvolta ancora nell’incredulità. L’uomo stava manovrando una gru, mentre si trovava all’opera per la ditta edile di proprietà del fratello. All’improvviso, il braccio della gru si è spezzato e ha colpito Miccoli. Un incidente fatale che gli è costato la vita.  La pala, montata su di un camion, si è spezzata e nel precipitare ha finito per schiacciare l’operaio, sul sedile di comando.

Piero Miccoli non è altro che l’ennesima vittima sul posto di lavoro nel Salento. La tragedia ha avuto luogo a mezzogiorno,  all’interno di una residenza privata in costruzione in provincia di Lecce. La costruzione presso la quale Miccoli stava lavorando è situata in una traversa della strada provinciale Torre Lapillo-Punta Prosciutto, non molto distanza dal noto lido Samanà.

L’operaio insieme agli altri dipendenti della ditta del fratello, Antonio Miccoli, stava lavorando dalle prime ore del mattino.Poi, l’improvviso incidente che ha spezzato la sua vita. Resta ancora un mistero da chiarire la dinamica dei fatti, ovvero le cause che avrebbero portato il braccio a spezzarsi. A tal proposito sono in corso delle indagini volte a fornire dei maggiori chiarimenti. Il braccio meccanico s’è staccato proprio, mentre era sollevato in aria per un carico di pietre di tufo, ed è piombato a peso morto addosso alla povera vittima.Molto probabilmente Miccoli ha avuto poco tempo per rendersi conto di cosa stava accandendo e non ha fatto in tempo a salvarsi. E’ rimasto incastrato dal braccio della gru. L’operaio è morto a causa delle gravi ferite riportate. I sanitari del 118 sono subito giunti sul posto. Sono intervenuti anche i vigili del fuoco per liberare l’uomo dalle lamiere. Ma per Miccoli, purtroppo, non c’è stato nulla da fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.