Padova: 26enne picchiato per sbaglio in strada

Una vicenda assurda è accaduta a Padova dove in pieno centro, sabato sera, è stato picchiato un giovane 26enne. «Non è possibile essere aggrediti in pieno centro alla 21». E’ quanto dichiarato da Filippo Valente, il giovane picchiato la scorsa sera a Padova. Valente, praticante il dottorando in medicina, è stato improvvisamente colpito da un giovane dell’est. L’episodio è accaduto sul listo, tra il Bo e   l’ingresso di Palazzo Moroni. L’aggressore lo avrebbe colpito con un pugno in faccia, spaccandogli il labbro superiore. Valente racconta che erano le 21,00 quando si stava recando verso il Prato della Valle. Il giovane stava parlando al telefono quando è stato aggredito da un branco di ragazzi dell’est. Il 26enne aveva poi visto un gruppo di giovani che lo avevano puntato, ma inizialmente non ci aveva fatto molto caso. Uno di questi all’improvviso, avvicinandosi verso di lui, lo ha colpito. Mentre era intento nel colpirlo nuovamente, fortunatamente sono intervenuti gli amici che sono riusciti a bloccarlo in tempo. Poi, la cosa più strana è che l’aggressore ha iniziato a scusarsi sostenendo che “si era sbagliato”. Si è trattato, dunque, di un vero e proprio scambio di persona. Probabilmente chi ha scagliato quel pugno non era nel pieno della sua lucidità tanto da equivocare la sua “vittima”. “Forse parlavano russo o qualche altra lingua ma sicuramente dell’Est Europa“, racconta Filippo. Il giovane, pertanto, è stato picchiato per sbaglio. Quel branco che si era scagliato contro di lui in realtà stava cercando un’altra persona da colpire. Filippo, il giovane 26enne, adesso ha sporto una denuncia contro ignoti alla polizia. Quel pugno in viso è costato a Filippo 5 giorni di prognosi. Ma per fortuna è fuori pericolo. Probabilmente se non fossero intervenuti gli amici del ragazzo, Filippo avrebbe “scontato” più di 5 giorni di prognosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.