Catturato il maniaco di Bologna: sarebbe all’estero

Il maniaco di Bologna che da settimana stava terrorizzando le donne del capoluogo emiliano è stato catturato. La sua fuga è volta al termine a Copenaghen, dove si trovava per un master universitario.

Da qualche settimana la città di Bologna si è trasformata nello scenario inquietante di violenze: sono state molte le ragazze che negli ultimi giorni hanno denunciato di essere state seguite fino a casa da un uomo non identificato che avrebbe tentato di abusare di loro.

Grazie alla denuncia da parte di tutte loro, tuttavia, è stato possibile realizzare un identikit molto dettagliato del ragazzo che terrorizzava le giovani donne. Le forze dell’ordine, infatti, sono riuscite ad avere un quadro completo del malvivente, del suo aspetto fisico e sul suo stile di abbigliamento.

Ed è proprio grazie ai numerosi dettagli forniti alla polizia, che i militari sono riusciti a realizzare un identikit molto preciso e dettagliato che è stato poi inviato a tutti gli agenti. Per fortuna, la fuga del maniaco è volta al termine. Ma il luogo della cattura non è stato dentro i confini italiani bensì a Copenaghen dove, a quanto pare, il ragazzo si trovava per svolgere un master universitario. L’arresto non è stato, tuttavia, così semplice: per fermare l’uomo, infatti, le forze dell’ordine hanno rischiato un incidente diplomatico con il Consolato svedese.

La persona fermata sarebbe un ragazzo di origine rumena dell’età di 27 anni che vive a Bologna con la sua famiglia. Le forze dell’ordine stanno procedendo con ulteriori indagini volte a confermare che il maniaco sia davvero lui e a capire il motivo che possa aver spinto il ragazzo a compiere dei gesti così violenti e brutali nei confronti di alcune ragazze innocenti. Nelle prossime ore verrà richiesto alle vittime di identificare il volto del loro aggressore e di confrontarlo con quello del giovane uomo fermato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.