Donna muore schiacciata dalle porte dell’ascensore: la figlia vede tutto

Una storia davvero terribile arriva da Dinipro, nelle vicinanze di Mosca. Una donna è morta schiacciata dalle porte dell’ascensore, e la figlia ha visto tutto. Questa bambina, di solo un anno, ha assistito ad una scena tragica. La vittima è Olga, una giovane mamma di 20 anni. Lei e la figlia stavano rientrando a casa, e la donna ha chiamato l’ascensore per arrivare al loro piano. E’ entrata ed ha lasciato il passeggino fuori con la piccola, e qualcosa deve essere andato storto.

Le porte dell’ascensore si sono chiuse in maniera del tutto imprevista, e la giovane mamma è rimasta incastrata. Dopo di che, l’ascensore è partito, e la donna è morta fatta a pezzi di fronte alla figlia, che ha visto tutto. A quanto pare alla base di questa tragedia ci sarebbe stato un problema tecnico che non era venuto alla luce il giorno prima. Infatti una ditta di servizi si era recata nel palazzo per un normale controllo di manutenzione, e in quell’occasione non venne rilevata alcuna anomalia per l’ascensore.

Sta di fatto che questa giovane mamma è morta tragicamente all’età di 20 anni mentre era con la sua bambina di un anno, che si è ritrovata di fronte questa tragica scena. Una storia davvero terribile che sta commuovendo la Russia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Donna muore schiacciata dalle porte dell’ascensore: la figlia vede tutto

Una storia davvero terribile arriva da Dinipro, nelle vicinanze di Mosca. Una donna è morta schiacciata dalle porte dell’ascensore, e la figlia ha visto tutto. Questa bambina, di solo un anno, ha assistito ad una scena tragica. La vittima è Olga, una giovane mamma di 20 anni. Lei e la figlia stavano rientrando a casa, e la donna ha chiamato l’ascensore per arrivare al loro piano. E’ entrata ed ha lasciato il passeggino fuori con la piccola, e qualcosa deve essere andato storto.

(altro…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.