Sciopero dei mezzi Milano 27 gennaio 2012: trasporti bloccati

Venerdì nero per il trasporto: sciopero dei mezzi a Milano oggi 27 gennaio 2012. L’Italia è in ginocchio, in questa giornata di sciopero generale dei mezzi pubblici che, nelle città più importanti del Paese, sta creando non pochi disagi. A Milano lo sciopero inizia alle ore 08:45, giusto in tempo per arrivare in ufficio e durerà – come sempre – fino a fine servizio. Ci sarà una fascia oraria di garanzia, dove i mezzi pubblici riprenderanno a circolare. Si tratta di tre ore: dalle 15 alle 18. Dopo le 18 sarà di nuovo tutto fermo. Metropolitane, autobus, tram, filobus, sarà tutto bloccato. Per fronteggiare questa emergenza, come sempre, il comune di Milano ha deciso di sospendere l’Area C per tutta la giornata di oggi, durante la quale si potrà entrare in centro con l’auto senza dover pagare nessun ticket. Vediamo le ultime notizie sullo sciopero di oggi, 27 gennaio 2012, a Milano.

Non è ancora possibile sapere il livello di adesione dei macchinisti e dei tranvieri allo sciopero però le prime indiscrezioni parlano di un blocco della circolazione di tutte e tre le linee della metropolitana. Insomma, quello di oggi si prospetta un vero e proprio venerdì di calvario che farebbe venire voglia di barricarsi in casa e non uscire. Infatti tutti i pendolari e i residenti devono sapere che la possibilità di arrivare da un punto all’altro della città facendo conto solo sulle proprie gambe è tutt’altro che remota. Insomma, per fronteggiare questo venerdì nero è bene tenersi informati costantemente sull’evoluzione dello sciopero e sull’adesione dei lavoratori. A tal proposito è bene consultare il sito ufficiale dell’Atm, l’azienda che gestisce il servizio trasporti in città, per leggere gli ultimi comunicati e capire come si evolve la situazione. I sindacati Filt- Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti fanno sapere che hanno indetto la protesta «per aprire un confronto con il governo sono state avviate le iniziative di mobilitazione generale di tutto il settore dei trasporti».

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.