Crollo palazzine a Conversano: tra i morti anche un bambino

Tragiche notizie arrivano dalla provincia di Bari. Questa mattina alle 8,40 circa due palazzine sono crollate a Conversano a causa, probabilmente di una fuga di gas. Per ore i Vigili del fuoco hanno cercato di trovare quelli che risultavano essere i tre dispersi ma purtroppo non c’è stato nulla da fare: sono tre le vittime dopo il crollo, tra i morti anche un bambino. La famiglia composta da una donna olandese, un uomo di Conversano nato sempre in Olanda e il loro bambino è stata cercata per diverse ore. All’inizio si credeva che i tre potessero essere andati al mare ma nessun parente riusciva a mettersi in contatto con loro. Purtroppo proprio pochi minuti fa arriva la conferma: papà, mamma e bambino dormivano ancora quando questa mattina si è verificato il crollo. Ora bisogna capire il perchè: cosa ha provocato il crollo delle due palazzine?

La famiglia olandese passava le vacanze a Conversano- una tragedia se si pensa che tutti e tre i componenti della famiglia italo-olandese erano nella cittadina barese solo per qualche giorno di vacanza. Mai avrebbero potuto pensare di andare incontro alla morte. Da quelle che sono le prime notizie che ci arrivano a proposito della loro identità pare che si tratti di Bernardo Vitto, nativo di Conversano, la moglie Welmoedh e il figlioletto Gianni Angelo di 18 mesi. Ribadiamo che per ora non sono state confermate le identità delle vittime, restiamo quindi in attesa di ulteriori aggiornamenti.

I feriti e gli sfollati- non solo tre vittime dopo il crollo delle palazzine ma anche una decina di persone che sarebbero ferite. Non si tratta per fortuna di condizioni gravi per nessuno di loro ma lo spavento resta comunque tanto. E poi ci sarebbero circa una cinquantina di persone che hanno perso la loro abitazione, una vera e propria tragedia inaspettata. Si indaga sulle origini dello scoppio: il rumore è stato avvertito anche nel centro della città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.