Lo stupratore di Velletri, il suo identikit è stato diffuso (foto)

Il maniaco di Velletri, il suo identikit fatto grazie alla testimonianza di alcune donne che hanno subito violenza


Lo stupratore di Velletri non ha agito nelle ultime ore ma c’è tanta paura che possa tornare a farlo, per questo la polizia ha deciso di diffondere il suo identikit, in modo che le testimonianze di tutti possano essere utili in questo caso. Per chi non conoscesse i dettagli di questa notizia stiamo parlando di un uomo che dai primi di febraio agisce nella zona di Velletri con lo stesso modus operandi in tutti i casi: avvicina le donne solitamente in un parcheggio isolato e poi sale sulle loro auto e le conduce in posti lontani dal centro abitato. In questi luoghi appartati avviene lo stupro ma anche altri generi di violenza che si concludono poi coun una “rapina”, l’uomo porta via tutto quello che le sue vittime hanno in borsa o in macchina. Ci sono però delle donne che sono riuscite a scappare e che hanno un’immagine più netta del maniaco. Grazie a loro e a chi purtroppo ha subito anche violenza, è stato possibile ricostruire un identikit, ecco i dettagli con la foto.

In un primo momento sembrava che l’uomo avesse sempre un colore di capelli diverso, questo potrebbe anche essere vero, probabilmente fa una tinta. In generale però il maniaco dovrebbe avere capelli castani ( non si esclude però che ci siano due persone e non una sola). Faccia normale con un naso e una fronte normale. Non ci sarebbe grandi segni particolari. Carnagione rosea con una età compresa tra i 30 e i 40 anni anche se questi dati sono quelli forniti dalle donne che lo hanno visto in momenti di paura, per cui potrebbero anche non corrispondere a pieno.

Questo dovrebbe essere il volto del maniaco di Velletri

maniaco velletri identikit

Per correttezza vi mostriamo anche un secondo identikit

maniaco velletri 2



Seguici

Seguici su

Google News Logo


Ricevi le nostre notizie da Google News

7 responses to “Lo stupratore di Velletri, il suo identikit è stato diffuso (foto)

  1. sei popo na merda a stupratore der cazzo devi morireeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

  2. Certo che fate davvero schifo,la donna ha un valore inestimebile e voi è così che la ripagate dopo i sacrifici che fa,non avete diritto di rovinare la vita a questa povere ragazze o donne,dovete pagare maledetti,se non ora presto,dovrete scontare il dolore e la sofferenza che ormai portano con se queste persone,fate schifo!!!

  3. Io sono solo una ragazzina,e come tutte le mie simili,voglio che la donna sia al pari dell’uomo,non meritiamo ciò brutti schifosi dovete soffrire!

  4. sono figli de na mignotta perche noi per le sue cazzate sessuali non centriamo gniente stronzi truffatori

  5. Se lo prendono le guardie lo devono portare in una pubblica piazza legato a un palo e ammanettato alla mercè di tutti i genitori che hanno subito sulla pelle dei propri figli .NESSUNA PIETÀ x uno schifoso del genere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.