Padova: disoccupato tenta il suicidio davanti ai Forconi

Nella giornata di oggi un uomo disoccupato ha deciso di tentare il suicidio impiccandosi presso il presidio del movimento Forconi che era stato allestito in piazza Azzurri d’Italia a Padova.

La crisi economica che sta coinvolgendo l’Italia sta lasciando dietro di sé una scia di famiglie ridotte allo stremo e di persone che non hanno la più pallida idea di come arrivare alla fine del mese. E questo, molto spesso, porta a gesti estremi  e disperati che mietono vittime in tutto il paese.

Questa mattina, un uomo disoccupato in preda alla disperazione, avrebbe tentato di suicidarsi presso il presidio del movimento dei Forconi allestito in piazza Azzurri d’Italia a Padova. Secondo le prime indiscrezioni, sembra che il padre di famiglia, colto da un raptus, abbia iniziato ad inveire contro le istituzioni e le tasse che oggi giorno lo stanno sopprimendo sempre più.

L’uomo si è arrampicato sopra ad un cumulo di bancali e ha legato una corda al ramo di un albero, quindi ha tentato di farla finita impiccandosi. Il tentativo, per fortuna, non è andato a buon fine. Sebbene si sia lanciato dai bancali, non è rimasto strangolato a causa dell’altezza troppo bassa e della corda sottile.

L’uomo, un disoccupato con tre figli, è stato soccorso immediatamente dagli operatori del Suem che erano stati allertati dai manifestanti, vedendo le intenzioni che aveva.

La goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso e che ha mandato via di testa l’uomo, sarebbe stato l’intervento da parte dei vigili urbani di Padova che avrebbero spiegato ai manifestanti del movimento dei Forconi che avrebbero dovuto smantellare in breve tempo il presidio.

3 responses to “Padova: disoccupato tenta il suicidio davanti ai Forconi

  1. Non si è strangolato solo perché un pompiere in borghese gli ha tagliato la corda prima che lui se ne accorgesse e si buttasse giù! I bancali non erano altissimi, ma il cavo era quasi in tensione già con lui in piedi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.