La mamma di Veronica Panarello svela la verità sulle storie clandestine di sua figlia

La mamma di Veronica Panarello torna a parlare e prova a spiegare, ai giornalisti di Giallo, cosa successe quando la ragazza chiese di poter stare con Davide. Mamma Carmela racconta di quel giorno ma anche di una strana circostanza in cui nella vita di Veronica sembrò entrare anche un altro uomo. La Panarello aveva avuto un’altra relazione con una persona che faceva parte della famiglia Stival in qualche modo?

Leggiamo sul settimanale Giallo: “Mia figlia conobbe l’attuale marito nel 2004. In un’occasione, rientrando intorno a mezzanotte, mi disse che aveva intenzione di andarsene a Milano insieme con Davide e il padre di lui. Io, ovviamente, le negai il permesso e lei se ne andò di casa”.

Siamo dieci anni prima che Veronica arrivasse al giorno della scomparsa e della morte del piccolo Loris. La mamma di Veronica continua ai giornalisti di Giallo il suo racconto:  “Un giorno mia figlia mi telefonò piangendo. Mi disse di andarla a prendere perché aveva avuto dei problemi a casa sua. Io mi recai presso la sua abitazione e  la prelevai insieme con Loris e con i suoi bagagli. Mi disse che il marito l’aveva picchiata accusandola di avere una relazione con il fidanzato di sua sorella.”

VERONICA PANARELLO E’ PAZZA? SI ATTENDONO GLI ESAMI 

Un altro uomo quindi nella vita della Panarello: aveva avuto anche una relazione con il fidanzato di quella che poi sarebbe diventata sua sognata o ancora una volta Veronica aveva inventato una storia solo per attirare l’attenzione come aveva fatto anche in passato?  Sua madre non ha dubbi e racconta: “Veronica davanti al marito aveva negato, ma a me confidò che in effetti aveva avuto un rapporto sessuale con questo uomo”.

Il dubbio però resta…Era tutto vero oppure Veronica già in passato inventava relazioni inesistenti? Anche questa volta suo marito Davide non ha commentato la circostanza. L’uomo sta affrontando la terribile vicenda con grandissima dignità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.