Santa Maria di Castellabate tragedia in mare: turista muore per salvare sua figlia 16enne


Una tragedia in Cilento in questa caldissima giornata di metà agosto. Un turista è morto in mare, risucchiato dalle onde, nel tentativo estremo di salvare la figlia di 16 anni. Tutto purtroppo è accaduto davanti ai turisti presenti e ai bagnanti che nulla hanno potuto fare per aiutare l’uomo che purtroppo non ce l’ha fatta. Il fatto è accaduto poche ore fa a Santa Maria di Castellabate in provincia di Salerno. TRAGEDIA IN CILENTO: A SANTA MARIA DI CASTELLABATE TURISTA MUORE IN MARE NEL TENTATIVO DI SALVARE LA FIGLIA

Angelo Ferraioli, odontoiatra 51enne di Nocera Inferiore, è stato sopraffatto dalla fatica pochi metri prima di raggiungere la ragazza in difficoltà nelle acque antistanti il lungomare di Santa Maria di Castellabate, in località Punta dell’Inferno. Feriti tre militari della Guardia Costiera che hanno tentato di soccorrerli a bordo di un gommone veloce, che si è ribaltato a causa del mare agitato.

I guardiacoste sono però riusciti a salvare la sedicenne e a portare a riva il corpo privo di vita del 51enne. Tutti sono stati trasportati presso l’ospedale di Roccadaspide dove sono stati medicati. Appena giunti sulla banchina, gli uomini del 118 avrebbero anche cercato in tutti i modi di rianimare il turista ma non ce l’hanno fatta.

Il procuratore Paolo Itri di Vallo della Lucania ha aperto un’inchiesta. Sul posto il tenente di vascello Gianluca Scuccimarri, comandante dell’ufficio Circondariale Marittimo di Agropoli, che ha coordinato i soccorsi. La ragazza si trova in ospedale ed è chiaramente sotto choc. Difficilmente potrà dimenticare il gesto eroico di suo padre che per salvarle la vita ha donato la sua. 

Non si danno pace neppure tutte le persone presenti che continua a raccontare il fatto e non riescono a capire come sia potuta succedere una simile tragedia. 

Per ricevere le ultime news di Ultime Notizie Flash direttamente su Facebook Messenger clicca qui

Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo