Omicidio Roxana confessa il marito: l’ha uccisa perché aveva un altro

savona femminicidio roxana zenteno, confessa il marito

Marco Muscaglia ha confessato di aver ucciso la moglie Roxana Zenteno, a Savona. La donna è vittima di femminicidio e ora l’uomo ha rivelato al magistrato di essersi sentito un fallito, sia come marito che come lavoratore. Quando lei gli ha confermato che aveva un altro e che non avrebbe chiuso questa relazione, ha perso la testa. Con queste dichiarazioni, Marco Muscaglia di 47 anni ha confessato al magistrato di aver ucciso Roxana Zenteno di 41. L’uomo ha inoltre raccontato i minuti precedenti il delitto.

FEMMINICIDIO A SAVONA, UCCISA ROXANA ZENTENO ULTIME NOTIZIE: IL MARITO CONFESSA E RIVELA CHE LA DONNA AVEVA UN ALTRO

Le ultime notizie rivelano che Marco Muscaglia ha finalmente confessato di aver ucciso la moglie Roxana Zenteno. Si tratta dell’ennesimo femminicidio nel nostro Paese. “Quando ha ammesso che aveva un altro uomo e che non voleva chiudere quella relazione ho perso la testa, mi sono sentito un uomo fallito e l’ho soffocata”, ha dichiarato Muscaglia, difeso dall’avvocato Gian Maria Gandolfo. L’uomo ha poi raccontato i minuti precedenti il delitto. Quella mattina si sono svegliati e lui ha iniziato a fare diverse domande, sospettando che lei avesse un altro uomo. Roxana ha ammesso di avere un’altra relazione. Proprio a quel punto l’operaio di Savona l’ha uccisa. Marco Muscaglia ha confessato di avere problemi di depressione per motivi di lavoro. Inoltre, ha confessato di non essere mai riuscito a elaborare la morte dei genitori. “Quando lei mi ha detto di quella storia ho visto tutto nero, mi sono sentito fallito come marito e lavoratore”, ha dichiarato al magistrato. Dopo aver soffocato la moglie Roxana, ha deciso di togliersi la vita, tagliandosi le vene.

Marco Muscaglia è stato interrogato per oltre cinque ore da Massimiliano Bolla, magistrato inquirente. Da ciò è emerso che il 47enne stava vivendo una forte depressione. L’uomo ha, inoltre, raccontato la profonda insoddisfazione familiare che stava vivendo con Roxana. Tra loro il rapporto si sarebbe raffreddato quando la 41enne iniziò a frequentare il corso per diventare operatrice sanitaria, che la teneva fuori casa per diverse ore. Nel frattempo, stando alle ultime notizie, i figli della coppia, di 13 e 10 anni, sono stati affidati a una zia paterna. A informarli della morte della mamma sono stati gli psicologici della procura di Savona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.