Torino, viene licenziato a causa del coronavirus: si toglie la vita


Notizie Flash-Ancora un’altra storia di quelle che mai avremmo voluto raccontare. Questa emergenza sanitaria globale sta cambiando la vita di molte persone, sta distruggendo intere famiglie e toglie speranze a tanti giovani. Ed è la storia di un giovane che dobbiamo raccontare oggi. Aveva solo 29 anni, un futuro da costruire con un lavoro che aveva trovato da poco. Il coronavirus non lo ha colpito direttamente ma ha devastato la sua esistenza tanto da portarlo a togliersi la vita. E’ successo in periferia di Carmagnola, nel Torinese. Il giovane si è tolto la vita impiccandosi, è stato ritrovato nella tromba delle scale. Pare che soffrisse da tempo di depressione.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE, DRAMMA A TORINO: SI SUICIDA DOPO AVER PERSO IL LAVORO

Pare che la ditta per cui lavorava come tirocinante gli aveva comunicato di dover interrompere il loro rapporto perché la produzione era temporaneamente chiusa come previsto dai decreti per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Il ragazzo, laureato in Lingue, era impiegato nella ditta da circa 8 mesi con un contratto da tirocinante, come raccontato dalla famiglia agli investigatori. Ad aggravare probabilmente lo stato di depressione del giovane questa notizia.

È stato il padre venerdì pomeriggio a scoprire il corpo del giovane e a dare l’allarme. Ai soccorritori ha raccontato che il figlio aveva da pochi giorni perso il lavoro. Secondo quanto raccontato dalla mamma e del papà del giovane, il lavoro gli aveva ridato la voglia di vivere. La notizia della perdita del suo impiego ha nuovamente cambiato tutto. I carabinieri stanno continuando con gli accertamenti per fare chiarezza sulle motivazioni. 

Purtroppo questa non è la prima notizia drammatica che raccontiamo; proprio ieri vi avevamo parlato del suicidio di un imprenditore veneto che aveva saputo di esser positivo al COVID19 e si era tolto la vita.

Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close