Gabriele Defilippi scarcerato: il commento dei genitori di Gloria Rosboch a Chi l’ha visto


E’ successo qualcosa di molto particolare” ha detto Federica Sciarelli introducendo una nuova storia nella puntata di Chi l’ha visto in onda l’8 aprile 2020. E’ successo che Gabriele DeFilippi in carcere con l’accusa di aver ucciso strangolandola, la sua professoressa Gloria Rosboch, ha avuto modo di lasciare il carcere. Gabriele DeFilippi è infatti risultato positivo al Covid19 e ha lasciato il carcere di Torino. Si troverebbe al momento agli arresti domiciliari presso un appartamento che sua madre ha affittato per lui, dovendo stare in isolamento.

Ma c’è qualcuno che lo controlla, ha il braccialetto elettronico? Sono queste le domande che i genitori di Gloria Rosboch si pongono e manifestano la loro preoccupazione proprio ai giornalisti di Chi l’ha visto che li hanno raggiunti telefonicamente per chiedere un commento dopo le ultime novità. “Come volete che stia, lo avevo immaginato quando ho sentito che in carcere c’erano troppe persone a Torino” dice la madre di Gloria, che per l’ennesima volta assiste a un colpo di scena in questa vicenda.

GABRIELE DEFILIPPI AGLI ARRESTI DOMICILIARI: IL COMMENTO DEI GENITORI DI GLORIA ROSBOCH

C’è il rischio che quello là prenda qualcosa e vada fuori” ha commentato mamma Marisa che a quanto pare aveva avuto un sentore giusto. “L’ho presa male a dirti il vero perchè invece che evacuare lui tranquillo e beato, sperando che resti sorvegliato, che non vada a zonzo. Cosa vuole sono colpi non basta solo la perdita di Gloria. Non posso manco andare al cimitero, la nostra è una povera vita” ha detto Marisa.

I genitori di Gloria sono quindi preoccupati e manifestano la loro paura ma a quanto pare non c’è molto altro da fare. Le decisioni sono state prese. E mentre loro non possono andare a mettere un fiore alla tomba di Gloria, per uno strano scherzo del destino, il suo assassino invece lascia il carcere, anche se solo per qualche giorno.

Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close